Sei libri che sanno di Natale // Con i libri sotto l’albero #3

Nella rubrica di Natale, Con i libri sotto l’albero, non poteva mancare un appuntamento dedicato ai libri a tema. Diciamo però che non si tratta proprio dei soliti consigli…
Ho infatti pensato di raccogliere dei titoli che ha mio avviso hanno il sapore del Natale: in alcuni questo è più evidente (prendete ad esempio la foto del post), in altri meno e più legato alla mia esperienza di lettrice.
Mi raccomando, fatemi sapere anche voi nei commenti i vostri libri (più e meno) natalizi!


1. Il Canto di Natale di Charles Dickens

Dal film “A Christmas Carol” (2009)

Come non citarlo? Sarà anche scontato, ma se penso ai libri e al natale questo è il primo titolo che mi viene in mente. Credo che sia una storia meravigliosa e un classico intramontabile.
Mr Scrooge, un vecchio signore scorbutico e avaro, detesta il Natale: La sera di una vigilia di Natale, che sta trascorrendo solo come da consuetudine, riceve la visita di un fantasma che segna l’inizio di una notte magica, in cui Scrooge incontrerà gli spiriti del Natale passato, presente e futuro.
Non ricordo di preciso quando lo lessi per la prima volta, ma credo che a breve dovrò rileggerlo. Non ho ancora deciso se metterci le mani proprio in questi giorni o aspettare e chi se ne importa del periodo giusto.

Link all’acquisto su Amazon


2. Le notti bianche di Fëdor Dostoevskij

Dal film “Le notti bianche” (1957)

Non riesco a pensare ad un libro più invernale di questo: se chiudo gli occhi riesco a vedere il bianco di una San Pietroburgo magica, sfondo del più bel sogno del Sognatore.
De Le notti bianche vi avevo parlato qui, attraverso le bellissime parole di Saviano che mi hanno spinto a leggerlo, e qui dove ho scritto la mia recensione.
L’amore del Sognatore per Nasten’ka, le sue illusioni, le sue attese…possono essere lo spirito per un Natale diverso, più malinconico ma anche più dolce.

Link all’acquisto su Amazon


3. Noi siamo infinito di Stephen Chbosky

Dal film “Noi siamo infinito” (2012)

Ecco, questa potrebbe apparire una scelta insolita, ma molto personale.
Ammetto di aver amato molto di più il film rispetto al libro, ma poi nella mia mente le due cose si fondono indissolubilmente e diventano sicuramente una delle prime storie a cui penso se guardo alla mia adolescenza.
Si tratta della storia di Charlie, raccontata attraverso le parole delle lettere che lui indirizza ad un suo amico. Un nuovo gruppo di amici, una ragazza che sembra la luce fatta persona, le feste, sentirsi parte di qualcosa…
Tutti questi sentimenti prendono un po’ anche la forma del Babbo Natale segreto al quale si trova a partecipare con i suoi amici. Quei regali che nascondono una grande attenzione per l’altra persona, un modo puro di volere bene e donare.
Prima di leggere il libro e vedere il film non avevo mai partecipato ad un Babbo Natale segreto, ma ora ogni volta che lo faccio con i miei amici, mi torna sempre in mente Charlie (sotto forma di musica che mi risuona nella testa perché questa storia ha una colonna sonora meravigliosa).

Link all’acquisto su Amazon


4. Piccole donne di Louisa May Alcott

Dal film “Piccole Donne” (2019)

“Natale non è Natale senza regali”, si lamentò Jo, sdraiata sulla coperta.
“È così spiacevole essere poveri!” sospirò Meg, abbassando lo sguardo sul suo vecchio vestito.
“Non è giusto che alcune bambine possano avere tutto ciò che desiderano e altre non abbiano niente”, aggiunse la piccola Amy, tirando su con il naso con aria offesa.
“Ma abbiamo il papà e la mamma, e la compagnia una dell’altra”, disse Beth compiaciuta dal suo angolo.
A queste parole la luce del caminetto sembrò come ravvivare i quattro giovani visi, che però si rabbuiarono subito quando Jo disse tristemente: “Ma papà non c’è, e non lo vedremo ancora per molto.” Non disse “forse mai”, ma ciascuna di loro aggiunse in silenzio queste parole, pensando al padre lontano, sul campo di battaglia.

Da Piccole Donne di Louisa May Alcott

Io lo trovo un incipit bellissimo, che sa di casa, di famiglia e di Natale. E questo mi sembra un ottimo motivo per inserire il libro in questa lista.
La cosa bella è che quando ho iniziato a pensare ai libri da citare, mi è subito venuto in mente Piccole Donne, ma non avevo ben chiaro il perché. Quando ne ho parlato con mia mamma, anche lei mi ha immediatamente suggerito lo stesso libro. Solo poco fa sono andata a sfogliarne le pagine e ho capito il perché.
Non ricordavo di questo incipit, ma in qualche modo la mia mente (e il mio cuore) aveva registrato l’associazione con il Natale. Anche questo sarebbe il caso di rileggerlo prima o poi…

Link all’acquisto su Amazon


5. Harry Potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling

Dal film “Harry Potter e la pietra filosofale” (2001)

«Buon Natale!» gli fece Ron ancora assonnato, mentre Harry si buttava giù dal letto e si infilava la vestaglia.
«Anche a te» gli rispose. «Ma… hai visto che roba? Ho ricevuto dei regali!»
«E che cosa ti aspettavi, un mazzo di rape?» disse Ron voltandosi a guardare i suoi regali, che erano molto più numerosi di quelli di Harry.
Da Harry Potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling

Natale vuol dire anche i maglioni della signora Weasley, quelli con l’iniziale gigante che fanno alzare lo sguardo al cielo a tutti i suoi figli, ma che per Harry significano casa forse per la prima volta.
Per me casa è anche questo libro, con Hogwarts semi-deserta che si riempie di neve e il tavolo della sala grande con più cibo di quanto Harry ne abbia mai visto in tutta la sua vita. Con il mantello dell’invisibilità che il solo pensiero mi fa venire i brividi di gioia di quando anche io ho scoperto questo oggetto meraviglioso per la prima volta.
Insomma, il Natale a Hogwarts sarebbe un bel sogno…

Link all’acquisto su Amazon


6. Lettere da Babbo Natale di J.R.R. Tolkien

Per finire, un libro che non ho letto, ma che mi incuriosisce molto.
Si tratta di una raccolta di lettere che Tolkien ha scritto ai suoi figli dal 1920 al 1943 firmandosi come Babbo Natale. Raccontava la sua vita al Polo Nord, costellata di avventure insolite di renne, orsi e folletti…
Ogni lettera è corredata dalla copia originale, con la grafia di Tolkien e i disegni che allegava alla lettera.
A me sembra una cosa molto bella e un libro che è, a suo modo, un libro d’amore.

Link all’acquisto su Amazon

7 commenti

  1. Ciao Dalì! 🙂 Che bella questa scelta di libri!! Alcuni di questi (“Le notti bianche”, “Harry Potter e la pietra filosofale” e “Piccole donne”) li ho in ebook. Anzi, a dire la verità, in ebook della Alcott ho tutto il volumone della Einaudi che comprende tutti quei racconti (Piccole donne, Piccole donne crescono, Piccoli uomini e… l’ultimo non me lo ricordo! ) 😉 Il fatto che tu abbia inserito un autore russo può essermi di sprone per iniziare finalmente a leggere la letteratura di quel Paese; sono anni che lo voglio fare, ma puntualmente me ne tengo sempre ben distante… 😀
    Ti auguro una piacevole giornata! ❤

    Piace a 1 persona

      • Buongiorno Dalì, Buon Natale e buon Santo Stefano ❤ Ti ringrazio per il consiglio, che seguirò sicuramente; lo scaricai in formato Kindle un (bel) po' di tempo fa… Nel frattempo mi sto dedicando ad un romanzo storico; poi vedremo quali letture mi porterà a fare il nuovo anno… Un abbraccio! ❤

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...