Recensione: Cara Napoli di Lorenzo Marone

Cara Napoli.jpg

  • Titolo: Cara Napoli
  • Autore: Lorenzo Marone
  • Casa Editrice: Feltrinelli
  • Data pubblicazione: 8 Novembre 2018
  • Pagine: 127
  • Trama: Dalla leggenda della sirena Partenope alle celebrazioni in onore di Totò, passando per l’arteteca e Higuaín, una guida molto sui generis a una città che, mai come adesso, è al centro dell’interesse del grande pubblico, sul piccolo e grande schermo e in libreria. Una lettura appassionante e un regalo prezioso, per napoletani e non. Perché Napoli è una filosofia di vita, una continua e stupenda contraddizione: forse comprenderla ci aiuterà a vivere meglio.

parthenope.jpgCara Napoli nasce dalla rubrica che Lorenzo Marone tiene settimanalmente su la Repubblica di Napoli, Granelli. Cerca appunto di raccontare Napoli, città in cui l’autore è nato e ha sempre vissuto, attraverso immagini, granelli, frammenti. 
Il libro è diviso in sezioni, ognuna delle quali prende il nome di due opposti: nord e sud, ieri e oggi, storia e leggenda, sacro e profano… e così sin dall’indice, la bellissima città di Napoli si viene a delineare come il miscuglio di contraddizioni che è, un posto in cui gli estremi non si limitano a coesistere, ma caratterizzano ogni cosa.
Il libro si apre con una descrizione della città attraverso i suoi colori, o meglio il suo colore per eccellenza, il grigio del piperno. Attraverso il moto di una pallina e il volo di una rondine che subito si fa gabbiano, Lorenzo Marone guida il lettore alla scoperta delle bellezze più e meno note che si nascondono in ogni viuzza. Offre viste sul mare, scorci di storia, aneddoti divertenti…
Continua a leggere

Recensione: Suite Francese di Irène Némirovsky

Suite Francese

  • Titolo: Suite Francese (Suite française)
  • Autore: Irène Némirovsky
  • Casa Editrice: Garzanti
  • Data pubblicazione: Settembre 2004
  • Prima edizione italiana: Ottobre 2005
  • Pagine: 412
  • Trama: Suite francese, pubblicato postumo nel 2004, è l’ultimo romanzo di Irène Némirovsky. Scritto agli albori del secondo conflitto mondiale a Issy-l’Évêque, in Borgogna, è un affresco spietato, composto quasi in diretta, della disfatta francese e dell’occupazione tedesca, in cui le tragedie della Storia si intrecciano alla vita quotidiana e ai destini individuali. È un caleidoscopio di comportamenti condizionati dalle aberrazioni della guerra, dalla paura, dal sordido egoismo, dalla viltà, dall’indifferenza, dagli istinti di sopravvivenza e di sopraffazione, dall’ordinaria crudeltà, dall’ansia di amore. È il racconto della passione, ambigua e tormentata, che nasce tra una giovane donna il cui marito è disperso al fronte e un ufficiale tedesco. Con lucida indignazione ma anche con pietà, Némirovsky mette a nudo le dinamiche profonde dell’esistenza umana di fronte alle prove estreme e scrive un insperato capolavoro della letteratura del Novecento. 

L’anno scorso per il mio compleanno ho ricevuto un buono da spendere da laFeltrinelli e tra i miei acquisti c’è stato proprio Suite Francese: avevo visto il film (che ora voglio assolutamente riguardare) e mi era piaciuto. In più mi sembrava un’edizione molto bella. Esattamente un anno dopo, finalmente, l’ho letto.
parigiIrène Némirovsky, quando nel 1942 viene deportata ad Auschwitz, dove morirà solo un mese dopo, lascia incompleta un’opera che sarebbe dovuta essere composta da quattro o cinque movimenti, libri. Nel suo quaderno rilegato in pelle, riesce a scriverne solamente due, Tempête en juin e Dolce, pubblicati nel 2004, ben sessant’anni dopo, sotto il titolo di Suite française, grazie a sua figlia Denise.
Continua a leggere

Di quando ho (finalmente) incontrato Valentina D’Urbano

Il rumore dei tuoi passi l’ho letto grazie a mia mamma che non ne era rimasta estasiata (pur apprezzando), ma aveva in qualche modo colto che a me sarebbe piaciuto. Aveva ragione: mi ha conquistata totalmente, mi ha fatta piangere come nessun altro libro prima e mi ha permesso di scoprire la meraviglia della scrittura di Valentina D’Urbano.
Ai tempi lo lessi circa tre volte in un anno e ora è diventato uno di quei libri di cui conservo un ricordo talmente idealizzato da aver paura di rileggerlo: magari era quello il momento giusto per esserne rapita, e ora non avrebbe lo stesso effetto. Confesso però di non averlo mai abbandonato del tutto e perciò di tanto in tanto ricerco quelle due o tre pagine che mi piacciono da impazzire.
Per fortuna però, Valentina D’Urbano è cresciuta insieme a me, di libri ne ha scritti altri (per ora siamo a quota sei), e io non ne ho perso neanche uno. Colgo ogni occasione per parlare di lei (qui la sfilza di miei post in cui compare) e per ora non ne sono rimasta delusa neanche una volta.
A Settembre è uscito il suo ultimo libro Isola di Neve che l’autrice ha promosso (e continua a promuovere) con una serie di eventi di presentazione in tutta Italia, tra cui a fine Settembre (il 29 e 30), una data a Firenze (nell’ambito del festival Libro Aperto) e una a Pisa. Ci ho provato con la data di Firenze ma è andata male, perché per una serie di problemi di organizzazione, Valentina D’Urbano alla fine non ha tenuto la presentazione. Ho comunque passato la giornata tra stand e altri incontri, e il giorno dopo sono stata alla presentazione a Pisa, alla Libreria Fogola.

IMG-20181001-WA0017

Continua a leggere

Lisbona // Luoghi, libri e letteratura

Per me non esistono fiori in grado di reggere il confronto con la varietà dei colori che assume Lisbona alla luce del sole.
-Fernando Pessoa

All’inizio di ottobre, ho passato cinque giorni a Lisbona con i miei amici. Ho scoperto una IMG_2862città assolutamente meravigliosa, con i suoi colori (primo tra tutti il giallo che spunta ad ogni angolo), la sua calma e allo stesso tempo l’incredibile vivacità.
Ho continuamente percepito la strana ma piacevole sensazione di trovarmi in un’altra epoca: i tram lenti che popolano la città, i carretti con pubblicità del cinema, i palazzi vecchi e le loro facciate tappezzate da azulejos, persino i sedili imbottiti dei mezzi pubblici evocano un’aria antica. E poi c’è quella modernità viva che si fa largo con i  suoi murales, a dare un altro tocco di vitalità e allo stesso tempo di decadenza, con le stradine e i vicoli popolati da centinaia di bar e localini e musica, e migliaia di voci a far festa ogni sera.
Mentre cerco di rievocare particolari, si fanno strada
 tantissime immagini, flash bellissimi: i mercatini e tutti gli oggetti stupendi che ho visto, le librerie in cui ancora una volta si fondono vecchio e nuovo, stipate di volumi fino al soffitto. Le viste mozzafiato di Lisbona dall’alto, la musica di un pianoforte in una terrazza di porte rosse e fiori viola. L’odore di pastel de nata che esce dalle pasticcerie, il bagliore del sole che si riflette sull’acqua. Un carretto che vende wine with a view, la velocità dello scorrere dei giorni. Continua a leggere

Festival delle Narrazioni // Sulmona, 19-20-21 Ottobre 2018

43609985_1914673598626836_4643151090571804672_o.jpg

Tra pochi giorni si terrà a Sulmona (AQ) la terza edizione del Festival delle Narrazioni, organizzato dalla casa editrice Lupi Editore e dal Soulkitchen .
Nel 2016 si è tenuta la prima edizione del Festival, che si propone di organizzare incontri e presentazioni sulla scrittura in tutte le sue forme, dalla narrativa al giornalismo, fino all’azione. È più che altro la parola ad assumere un ruolo centrale e di primo piano.
Non mi capita spesso di parlare di questo tipo di iniziative, ma Sulmona è la città in cui sono cresciuta e soprattutto mi è sembrata un’iniziativa molto bella e interessante. Purtroppo io, studiando fuori, non potrò esserci, ma magari qualcuno nelle vicinanze potrebbe essere interessato. Continua a leggere

Recensione: Quello che ti dirò di Albert Espinosa

Ringrazio Matteo dell’ufficio stampa Salani per avermi dato la possibilità di leggere e recensire questo libro. ♥


Quello che ti dirò.jpg

  • Titolo: Quello che ti dirò (Lo que te diré cuando te vuelva a ver)
  • Autore: Albert Espinosa
  • Casa Editrice: Salani
  • Data pubblicazione: 23 Marzo 2017
  • Prima edizione italiana: 30 Agosto 2018
  • Pagine: 228
  • Trama: Izan ha quarant’anni ed è sordo. Suo padre si è sempre rifiutato di parlargli nella lingua dei segni e non ha mai voluto accettare la sua disabilità. I due hanno un rapporto difficile: fin da quando Izan era piccolo il padre lo ha trascurato per il suo lavoro: cercare bambini scomparsi. Ma ora è anziano e malato e Izan decide di accompagnarlo in Italia, sul lago di Como, per aiutarlo ad affrontare il suo ultimo caso, quello di Catherina, una tredicenne vittima di abusi. Una volta lì, però, i due scoprono che le cose non sono come sembrano: Catherina è ricoverata in un ospedale psichiatrico e non ha affatto tredici anni. La versione della ragazza non regge e, in più, nessuno sa chi sia veramente e da dove venga. Catherina racconta una storia incredibile, ma la verità non è solo una fredda successione di fatti e Izan dovrà rivedere tutto il suo passato…

Albert Espinosa, fino a prima di leggere questo libro, era nella mia testa costantemente associato a Braccialetti Rossi, serie TV tratta da un suo libro, che tra l’altro non ho mailago.PNG visto, ma che guardavano tutti quando ero alle superiori. Quando l’ho visto tra le nuove uscite, mi è sembrata l’occasione giusta per fare finalmente la sua conoscenza.
Izan, dopo la morte del padre, scrive un diario in cui racconta l’ultimo caso di cui lui si era occupato, o meglio loro. Il padre di Izan si occupava di ritrovare i bambini smarriti, e Catherina è solo l’ultima, ma la più particolare: è lei a cercare il suo aiuto, ricoverata in un ospedale psichiatrico dopo essere stata vittima di abusi. O almeno questo è ciò che racconta. Così Izan, per la prima volta, fa quello che vorrebbe suo padre costretto su un letto d’ospedale e cerca la bambina smarrita.
Continua a leggere

(pseudo)Recensione: Patience di Daniel Clowes

Patience

  • Titolo: Patience
  • Autore: Daniel Clowes
  • Casa Editrice: Bao Publishing
  • Data pubblicazione: 2 Marzo 2016
  • Prima edizione italiana: 17 Marzo 2016
  • Pagine: 180
  • Genere: Graphic Novel
  • Trama: Una storia d’amore, di viaggi nel tempo, paradossi (non solo temporali) e profondo senso di perdita. Daniel Clowes, l’indimenticabile autore di Ghost World e Come un guanto di velluto forgiato nel ferro torna con un romanzo grafico – il più lungo della sua carriera – al quale ha lavorato meticolosamente per cinque anni.

Non avevo mai letto un graphic novel prima di Patience: non so precisamente perché, ma non mi hanno mai incuriosito più di tanto. Con un po’ di ignoranza, tendevo a mantenere distante questo genere, dall’idea di libro vero e proprio. Poi è semplicemente successo che un ragazzo mi ha prestato questo libro e mi ha consigliato di leggerlo e di recensirlo. E io l’ho fatto. O meglio: l’ho letto mesi fa e finalmente ho deciso di provare a scriverci qualcosa su. Continua a leggere

Recensione: Va’, metti una sentinella di Harper Lee

Va', metti una sentinella.jpg

  • Titolo: Va’, metti una sentinella (Go set a watchman)
  • Autore: Harper Lee
  • Casa Editrice: Feltrinelli
  • Data pubblicazione: 14 Luglio 2015
  • Prima edizione italiana: 19 Novembre 2015
  • Pagine: 271
  • Trama: “Va’, metti una sentinella” è ambientato a metà degli anni Cinquanta e presenta molti personaggi de “Il buio della siepe” vent’anni dopo. Scout (Jean Louise Finch) torna a Maycomb da New York per andare a trovare Atticus. Cercando di comprendere l’atteggiamento del padre nei confronti della società e i suoi stessi sentimenti verso il posto dove è nata e dove ha passato l’infanzia, Scout è costretta ad affrontare difficili questioni personali e politiche. Esaminando come i personaggi de “Il buio oltre il siepe” cambiano di fronte agli eventi turbolenti che caratterizzano l’America in trasformazione della metà degli anni Cinquanta, “Va’, metti una sentinella” getta una nuova affascinante luce sul classico di Harper Lee. 

Dopo aver letto Il buio oltre la siepe (qui la mia recensione), era per me inevitabileGelato.PNG proseguire con Va’, metti una sentinella. Non so se sia proprio corretto definirlo un sequel: sì, è ambientato venti anni dopo e ha per protagonisti gli stessi personaggi del suo più celebre predecessore. Però è stato scritto prima de Il buio oltre la siepe: da un lato non si incorre nel rischio tipico dei secondi libri, cioè quello che non sia ai livelli del precedente e sia solo un tentativo di allungare il brodo. D’altra parte, però, il libro rifiutato dall’editore, rimase per decenni all’interno di una cassetta di sicurezza e fu pubblicato solo  nel 2015 quando l’autrice era in fin di vita (con non poche polemiche). In questo caso, i rischi, che poi si sono rivelati realtà, sono altri: uno fra tutti che sembri quasi solo una bozza, neanche l’ombra della grandezza del capolavoro Il buio oltre la siepe. Continua a leggere

Tra pagine e palcoscenico #4 // Keith Richards e Madonna

Tra pagine e palcoscenico #4

Ovvero cantanti e musicisti che hanno scritto romanzi che potreste voler leggere


KEITH RICHARDS

Keith-Richards.jpg

LifeHo conosciuto il celebre chitarrista Keith Richards nelle vesti di scrittore con Life (2014), la sua più che discussa autobiografia (che ho recensito qui). Il libro rivela sicuramente un personaggio geniale, con tutte le contraddizioni tipiche del genio e racconta la storia di una delle band che hanno segnato la storia della musica, i Rolling Stones, dal punto di vista del loro fondatore. Continua a leggere

Recensione: Il tortellino muore nel brodo di Filippo Venturi

Ringrazio l’autore Filippo Venturi e Anna di Mondadori per la possibilità di leggere e recensire Il tortellino muore nel brodo.

Il tortellino muore nel brodo

  • Titolo: Il tortellino muore nel brodo
  • Autore: Filippo Venturi
  • Casa Editrice: Mondadori
  • Data pubblicazione: 3 Luglio 2018
  • Pagine: 204
  • Trama: Emilio Zucchini, proprietario della trattoria La vecchia Bologna, è uno scapolo impenitente, devoto alla gioia dei suoi clienti e al rispetto ortodosso delle ricette della cucina bolognese. Nicola Fini è il suo amico fraterno che è appena stato abbandonato di punto in bianco dalla moglie, ritrovandosi con due bambini a cui fare da papà single. Joe Solitario è un cantautore disperato che, dopo aver sprecato la sua grande occasione nella finale del più famoso talent show italiano, si improvvisa rapinatore per inseguire la sua ultima speranza: un volo di sola andata verso una nuova vita. Cico Pop e Mangusta sono gli scagnozzi di un boss della malavita locale incaricati di rubare per lui una moneta che non vale niente ma che ai suoi occhi significa tutto. Quando, in un campale venerdì mattina, le strade di questi cinque personaggi si incrociano, l’effetto non può che essere deflagrante. Quante possibilità ci sono che i tre criminali da strapazzo scelgano la stessa banca, lo stesso giorno e la stessa ora per mettere a segno il loro colpo? E quanta sfortuna deve avere Nicola per ritrovarsi a passare lì di fronte proprio durante la rapina, con in macchina quel poco che è rimasto della sua famiglia? Eppure, le coincidenze fanno parte della vita. E sono uno degli ingredienti fondamentali di questa rocambolesca storia. Insieme agli imprevisti, al buon cibo e a un’abbondante dose di umorismo.

Di Filippo Venturi conservavo già un bellissimo ricordo grazie alla lettura di Un giorno come un altro (qui la mia recensione) che avevo trovato davvero divertente e coinvolgente. Ancor prima di iniziare la lettura di questo romanzo, quindi, pregustavo già quelle stesse sensazioni e sicuramente non ne sono rimasta delusa, anzi!Cattura4.PNG
Emilio Zucchini, ristoratore bolognese, il suo amico Nicola Fini, abbandonato dalla moglie, Joe Solitario, cantante fallito, e due criminali locali, Cico Pop e Mangusta, sono i personaggi che si muovono in una Bologna, sesta protagonista della storia, tra un malinteso, un’assurda coincidenza e uno scherzo del destino. Quando Emilio non riesce a far venire bene le sfoglie per la lasagna, capisce subito che c’è qualcosa che non va, qualche disgrazia che sta per accadere: sarà proprio in quella giornata, infatti, che più di una persona tenterà una rapina alla stessa banca e che Nicola subirà l’ennesimo e impensabile colpo di sfortuna, proprio davanti quella banca. Così Zucca, con il suo sesto senso, si imbarca in una serie di indagini per ritrovare la sua figlioccia apparentemente rapita.

Continua a leggere