Recensione: La mia cosa preferita sono i mostri di Emil Ferris

La mia cosa preferita sono i mostri.jpg

  • Titolo: La mia cosa preferita sono i mostri (My Favorite Thing Is Monsters #1)
  • Autore: Emil Ferris
  • Casa Editrice: Bao Publishing
  • Data pubblicazione: 14 Febbraio 2017
  • Prima edizione italiana: 12 Aprile 2018
  • Pagine: 420
  • Trama: Kare Reyes ha dieci anni, vive a Uptown Chicago, con la madre e il fratello Deeze. Ama l’arte, i giornalini horror e i vecchi film di mostri. Un giorno torna a casa da scuola e apprende che la vicina è morta. Suicidio, dicono, ma Karen non ci crede. Siamo nel 1968, nel pieno della contestazione, e questa storia la leggiamo dal diario scribacchiato, scarabocchiato e illustrato di Karen. I misteri sono fuori e dentro casa, perché più Karen cerca di capire cosa sia successo alla sua vicina, Anka, una sopravvissuta dell’Olocausto nazista, più comprende che c’è un terribile segreto del passato che tormenta suo fratello Deeze.

mostri.jpg

Non sono una grande esperta di graphic novel, anzi: La mia cosa preferita sono i mostri è solo il secondo che leggo dopo Patience di Daniel Clowes (di cui vi avevo parlato qui). In entrambi i casi ho sperimentato questo nuovo genere grazie alla pazienza di Gianluca (qui il link al suo profilo instagram) che mi ha prestato i due volumi e ha aspettato che li leggessi. Se farò riferimenti eccessivi a Patience perdonatemi, ma è l’unico metro di paragone che ho ed è stato spontaneo fare un confronto durante la lettura.
Karen vive con mama e Deeze a Uptown Chicago, in un condominio pieno di persone interessanti. Quando improvvisamente la sua vicina Anka muore, in quello che viene definito un suicidio, Karen si improvvisa investigatrice e comincia ad indagare su tutte le persone che la circondano, su strane porte e conversazioni origliate, su quadri che sembrano in grado di parlarle e su misteri del passato di cui lei è all’oscuro. 
Continua a leggere

Recensione: Vita e morte degl’insetti di Marcel Roland

Vita e morte degl'insetti

  • Titolo: Vita e morte degl’insetti (Vie et mort des insectes)
  • Autore: Marcel Roland
  • Casa Editrice: Rizzoli
  • Data pubblicazione: 1936
  • Prima edizione italiana: 1952
  • Pagine: 178
  • Trama: In Vita e morte degl’insetti l’autore descrive, con la sua arte finissima, vita e costumi d’interessantissime bestiole, molte delle quali (scorpioni, porcellini di terra, ragni, stercorari) vengono spesso considerate con un senso di repulsione, e qualificate… bestiacce. Ma Marcel Roland le guarda con occhio pacato di naturalista, le studia ispirandosi a quel senso di affratellamento cosmico che sempre lo anima, e sa infondere nel lettore un sentimento di comprensione per quelle umili esistenze che hanno anch’esse il loro posto nella natura, dove non esistono gerarchie. 

Insects-Blog.jpg

Ho ricevuto questo libro in prestito dopo aver insultato un ragno dichiarando tutto il mio schifo. So che non è un comportamento razionale, nonostante molto comune, ma semplicemente avere un insetto (nel senso più ampio del termine, al di là della tassonomia) vicino, mi suscita un sentimento di ribrezzo. Quindi mi è stato consegnato questo libro con la promessa di superare questa inimicizia. 
Ho iniziato la lettura con molta curiosità, ma anche con un bel po’ di scetticismo: un libro del genere può risultare noioso se non si è interessati minimamente all’argomento. Però ho decisamente cambiato idea… Continua a leggere

Recensione: Insciallah di Oriana Fallaci

Insciallah

  • Titolo: Insciallah
  • Autore: Oriana Fallaci
  • Casa Editrice: Rizzoli
  • Data pubblicazione: Luglio 1990
  • Pagine: 795
  • Trama: Nel 1990 Oriana Fallaci torna al romanzo con “Insciallah”, un’opera corale che prende spunto dalla missione occidentale di pace a Beirut dopo i sanguinosi eventi del 1982. Una “piccola Iliade” che la stessa Fallaci racconta dando voce a uno dei protagonisti, il Professore, un militare appassionato di letteratura: la storia si svolge nell’arco di tre mesi, novanta giorni che vanno da una domenica di fine ottobre a una domenica di fine gennaio, s’apre coi cani di Beirut, prende l’avvio dalla duplice strage, segue il filo conduttore d’una equazione matematica, e per svilupparne la trama mi servo dell’amletico scudiero di Ulisse. Quello che cerca la formula della Vita”. Immergendosi nel dramma dei combattimenti e dando voce alle vittime e alle figure spesso dimenticate – “i bambini che la guerra uccide, i lenoni che la guerra favorisce, i banditi che la guerra protegge” – la Fallaci ci offre un grande “atto d’amore per la Vita”, che rifiuta la ferocia di qualsiasi conflitto e mette l’Uomo al centro del proprio destino.

oriana (1)Oriana Fallaci nel 1983 è inviata in Libano come corrispondente nell’intervento delle forze internazionali, tra cui anche l’Italia. Lo scopo era quello di proteggere i campi profughi palestinesi nella parte occidentale della capitale libanese, Beirut.
Insciallah, pubblicato poi nel 1990, è ambientato proprio in questo contesto in un arco di tempo di tre mesi che va da una domenica di fine ottobre a una domenica di fine gennaio. L’evento iniziale è quello di un duplice attentato ai danni dei francesi e degli americani che per qualche motivo risparmia la base italiana. Da qui in poi, col sentore di un pericolo in agguato, quello del terzo camion, tutto si muove con una velocità diversa, sotto una luce diversa, in un teatro dell’assurdo in cui recitano infiniti volti.  Continua a leggere

Recensione: Sadie di Courtney Summers

Ringrazio di cuore Laura dell’ufficio stampa Rizzoli per avermi permesso di leggere e recensire Sadie. ♥
Le immagini che trovate qui sotto sono opere di Agata Wierzbicka, illustratrice che ha anche realizzato la copertina del libro.

Sadie.jpg

  • Titolo: Sadie
  • Autore: Courtney Summers
  • Casa Editrice: Rizzoli
  • Data pubblicazione: 4 Settembre 2018
  • Prima edizione italiana: 25 Giugno 2019
  • Pagine: 367
  • Trama: Quando il popolare conduttore radiofonico West McCray riceve una telefonata da una donna che lo implora di cercare Sadie Hunter, diciannove anni, scomparsa da alcuni mesi, l’uomo non è davvero convinto che quella sarà una storia da raccontare: è tristemente consapevole che di ragazze scomparse ce ne siano molte, troppe, ogni giorno. Ma quando viene a sapere che Sadie si è allontanata da casa dopo il brutale omicidio irrisolto della sorella Mattie, tredici anni, parte alla volta di Cold Creek, Colorado, per cercare di saperne di più.
    Sadie non ha idea che la sua storia stia per diventare il soggetto di un podcast di successo seguito da una costa all’altra degli Stati Uniti. Tutto ciò che vuole è vendetta: armata di un coltello a serramanico e del suo lacerante dolore, Sadie colleziona una serie di confusi indizi che seguono le tracce dell’uomo che è convinta abbia ucciso la sorella.
    Mentre West ricostruisce il viaggio di Sadie, ritrovandosi sempre più coinvolto dalla storia della ragazza e ossessionato dal pensiero di ritrovarla, un mistero inquietante comincia a prendere forma e a svelarsi. Riuscirà West a ricomporre il puzzle della verità prima che per Sadie sia troppo tardi?
    Alternando le puntate del podcast alla lucida voce di Sadie, che racconta in prima persona la sua caccia all’uomo, Courtney Summers ci regala una storia struggente che resta sulla pelle ben oltre la sua ultima pagina.

agata-wierzbicka-illustration-F-1050x700Il 24 Giugno, il giorno prima dell’attesissima uscita in Italia di Sadie, ho ricevuto un’email dall’ufficio stampa Rizzoli in cui mi si proponeva di leggere e recensire il libro. Ad essere sincera, non avevo mai sentito parlare di Courtney Summers, ma ho rimediato subito. Ho scoperto che, nonostante questo sia il primo dei suoi libri tradotto e pubblicato qui da noi, lei è da anni tra le autrici più apprezzate del genere Young Adult: tra l’altro ha anche in Italia un bel pubblico che la leggeva da tempo in lingua originale. 
Ovviamente ho accettato al volo la proposta: non leggo da un po’ libri del genere e in effetti ne ho letti pochi, ma non mi dispiacciono affatto.
Il libro si apre con il primo episodio di Le Ragazze, podcast realizzato da West McCray, un giornalista radiofonico, che parla della scomparsa della diciannovenne Sadie Hunter, in seguito alla morte di sua sorella Mattie. Vivono, o meglio vivevano, a Cold Creek in una roulotte: in un posto di desolazione e cicatrici che ti porti dietro per sempre. Claire, la loro madre, le aveva abbandonate ormai da anni, ed era Sadie ad occuparsi della sorella, mentre May Beth si occupava di entrambe, quasi come una vera nonna. 
Continua a leggere

Recensione: Le mie amiche streghe di Silvia Bencivelli

Le mie amiche streghe.jpg

  • Titolo: Le mie amiche streghe
  • Autore: Silvia Bencivelli
  • Casa Editrice: Einaudi
  • Data pubblicazione: 24 Aprile 2017
  • Pagine: 184
  • Trama: Alice ha quasi quarant’anni, non beve caffè, ha paura dei gabbiani, cura la gastrite con le banane, e sul mondo si concede di avere più domande che risposte. Capire le cose difficili è la sua passione, e dopo che le ha capite ha il dono di saperle spiegare agli altri. Tecnicamente è un medico, in realtà fa la giornalista scientifica, è rigorosa fino all’impossibile, adora gli aperitivi e ha le stesse amiche dalle elementari. Amiche che la considerano una clamorosa rompiscatole. Perché Alice ultimamente le ascolta parlare e non le riconosce più. Erano lucide e ragionevoli, adesso credono alle pozioni miracolose, alle terapie alternative, ai magici benefici del cetriolo e agli spaventosi malefici di generiche multinazionali del male. Ma forse sono i suoi occhi testardi a voler negare il potere inesauribile dell’irrazionalità. Alice detesta le cose semplici, soprattutto se sono anche sbagliate. Fa la giornalista scientifica, perciò il mondo è abituata a interrogarlo e poi a raccontarlo. Anche alle sue amiche, che intrattiene per ore con le sue storie bislacche di scienziati. D’un tratto però le sue amiche sono diventate tutte streghe. Cioè, sono ancora le stesse di sempre, eppure sono diventate incomprensibili. Credono alle pozioni magiche, ai piani astrali, ai complotti, ai rimedi della medicina non ufficiale. Valeria, per esempio, spera di far girare il feto podalico che ha in grembo facendo le capriole in acqua. Vuole evitare il cesareo a tutti i costi perché ha letto su internet che non è il modo migliore per iniziare il rapporto con suo figlio. E dire che la nonna di Alice, ai suoi tempi, un parto podalico se l’è fatto per via naturale aiutata solo da una bottiglia di brandy, e a distanza di settant’anni non è affatto certa che sia stato un bel modo per iniziare alcunché. E poi c’è Lucia, fissata con l’alimentazione sana e i prodotti bio. E Arianna, medico anestesista, che si scopre fautrice dell’omeopatia. E ancora quella che non vuole vaccinare i figli, quella che segue l’ultima dieta del momento, quella che legge il futuro negli oroscopi. Alice si arrabbia, cerca di farle ragionare, e a volte pontifica, perché sembra incapace di vedere anche lei una semplice realtà, cioè che le emozioni possono tradire.

arno.jpgEra da un po’ che avrei voluto leggere qualcosa di Silvia Bencivelli. Qualche settimana fa, con il pretesto di una sua presentazione a Pisa, ho scelto come prima lettura per fare la sua conoscenza Le mie amiche streghe, il suo unico (per ora) romanzo.
Alice è una giornalista scientifica, che vive e lavora a Roma, ma si muove spesso tra lì e Pisa, città dove c’è la sua famiglia e le sue amiche di sempre. È una persona molto razionale, che ama conoscere e documentarsi con certezza su qualunque cosa e si trova a guardarsi intorno e a rendersi conto di quanta irrazionalità ci sia tra le persone che ha accanto. A partire da superstizioni tradizionali, passando per la scelta della sua amica anestesista di affidarsi alla medicina non convenzionale, fino al classico dell’oroscopo e a strane ossessioni sul cibo. Lei, a costo di risultare pesante, difende la sua amata scienza e i dati di fatto, le ricerche e le statistiche. A tratti ne ride, a tratti si preoccupa dello strano modo che hanno gli altri di cercare sicurezze e nel frattempo si prepara ad affrontare proprio una di quelle situazioni in grado di mettere in crisi la lucidità di una persona.
Continua a leggere

Silvia Bencivelli presenta “Sospettosi, noi e i nostri dubbi sulla scienza”

 

silvia bencivelli.jpg

Venerdì 7 Giugno sono stata ad OpenPisa (a cui tra l’altro ho rubato le foto dell’avento) alla presentazione del libro di Silvia Bencivelli: Sospettosi, noi e i nostri dubbi sulla scienza, uscito per Einaudi il 14 Maggio 2019. (Amazon)
Avevo sentito parlare di Silvia Bencivelli e letto ottime recensioni soprattutto sul blog Escherichia Libri, quindi alcuni suoi titoli erano in lista da un po’. Poi per caso, camminando per Pisa ho scoperto che sarebbe venuta a presentare il suo ultimo libro uscito e quindi ho colto l’occasione per iniziare a leggere qualcosa di suo.
Ho così cominciato il romanzo Le mie amiche streghe (Einaudi, 2017) e lo stavo ancora leggendo quando il 7 Giugno sono andata alla presentazione. (L’ho finito un paio di giorni fa, quindi a breve vorrei scrivere la recensione.)
Silvia Bencivelli è laureata in Medicina e Chirurgia proprio all’Università di Pisa, ma dopo un Master in comunicazione della scienza, conseguito a Trieste, ha intrapreso la carriera di giornalista scientifica. Lavora per trasmissioni televisive e radiofoniche, scrive per vari giornali e riviste e conta ormai varie pubblicazioni tra saggi e romanzi. Per la biografia completa vi rimando al suo sito. Continua a leggere

Recensione: Dovremmo essere tutti femministi di Chimamanda Ngozi Adichie

Dovremmo essere tutti femministi.jpg

  • Titolo: Dovremmo essere tutti femministi (We should all be feminists) 
  • Autore: Chimamanda Ngozi Adichie
  • Casa Editrice: Einaudi
  • Data pubblicazione: 9 Luglio 2014
  • Prima edizione italiana: 12 Maggio 2015
  • Pagine: 44 
  • Trama: In questo saggio molto personale, scritto con grande eloquenza – frutto dell’adattamento di una conferenza TEDx dal medesimo titolo di straordinario successo – Chimamanda Ngozi Adichie offre ai lettori una definizione originale del femminismo per il XXI secolo. Attingendo in grande misura dalle proprie esperienze e riflessioni sull’attualità, Adichie presenta qui un’eccezionale indagine d’autore su ciò che significa essere una donna oggi, un appello di grande attualità sulle ragioni per cui dovremmo essere tutti femministi. In un contesto in cui il femminismo era considerato un ingombrante retaggio del secolo scorso, la posizione di Adichie ha cambiato i termini della questione. Alcuni brani della sua conferenza sono stati campionati da Beyoncé nel brano Flawless e hanno fatto il giro del mondo. La scritta FEMINIST a caratteri cubitali come sfondo della performance dell’artista agli Mtv Video Music Awards e il famoso discorso dell’attrice Emma Watson alle Nazioni Unite in cui si dichiara femminista sono segni evidenti del fatto che c’è un prima e un dopo Dovremmo essere tutti femministi.

chimamanda.jpgHo conosciuto questo libro tramite il web e più precisamente tramite Instagram. Seguo vari profili che consigliano libri (un po’ come faccio qui su WordPress) e mi è capitato più di una volta di imbattermi in Dovremmo essere tutti femministi. Me lo sono annotato mentalmente tra le letture da fare e ne ho approfittato per acquistarlo in occasione di una promozione su Amazon (spendendo 20€ in libri, ne venivano restituiti 7€).
Ammetto di non essermi documentata a sufficienza su questo libro, ma in realtà non meno di quanto faccia di solito prima di acquistarne uno. Sapevo che si trattava di un adattamento di una conferenza TEDx, ma lo avevo interpretato come “a partire da quella conferenza l’autrice ha scritto un saggio”. E non ho neanche controllato il numero delle pagine, ma di solito per me non ha molta importanza.

Insomma, 44 pagine al prezzo di 9€. Pagine che si possono tranquillamente ascoltare da youtube, guardando il video della conferenza. Il che rende molto meglio: Chimamanda Ngozi Adichie è molto brava, e anche bella, è divertente, ammicca al pubblico, intrattiene. Ma anche solo per il fatto che è un brano pensato per essere esposto ad un pubblico. Io ho guardato parte del video dopo aver letto il libro, e vi assicuro che non c’è paragone. Continua a leggere

Recensione: Alla ricerca della memoria di Eric R. Kandel

Alla ricerca della memoria.jpg

  • Titolo: Alla ricerca della memoria (In Search of Memory)
  • Autore: Eric R. Kandel
  • Casa Editrice: Codice Edizioni
  • Data pubblicazione: 2010
  • Prima edizione italiana: 2006
  • Pagine: 478
  • Trama: La storia di una nuova scienza della mente. In che modo il terrore provato da un bambino nel sentire i colpi dei nazisti alla porta di casa, la vigilia della Notte dei cristalli, si è impresso come una cicatrice nel tessuto molecolare e cellulare del cervello, con una forza tale da consentirgli di rivivere quell’esperienza a decenni di distanza? La memoria ha guidato la vita e il lavoro di Eric Kandel, e proprio con questa domanda inizia la sua autobiografia, un viaggio alla scoperta di ricordi personali e scoperte scientifiche, dai pionieristici esperimenti con la lumaca marina Aplysia fino all’avvento dell’ingegneria genetica e delle biotecnologie. Decenni di ricerche che hanno dimostrato come il consolidarsi della memoria produca modificazioni fisiologiche nel nostro cervello, sviluppando e consolidando nuove connessioni sinaptiche tra i neuroni. «Se vi ricorderete qualcosa di questo libro» ci avverte Kandel, «è perché dopo che avrete finito di leggerlo il vostro cervello sarà leggermente diverso».

kandel3Come vi avevo anticipato qui e qui, eccomi a recensire Alla ricerca della memoria di Eric Kandel.
Potremmo definirla un’autobiografia, perché sicuramente, come da definizione stessa del genere, racconta la vita dell’autore: tutto comincia dalla sua infanzia nella Vienna degli anni ’30, fino alla Notte dei Cristalli, in seguito alla quale Kandel (che a quei tempi si chiamava ancora Erik, con la k tedesca) e la sua famiglia emigrarono negli Stati Uniti. Sarà questo il Paese che gli permetterà di inseguire i suoi sogni, prima verso la psicoanalisi, e poi sempre mosso dalla stessa curiosità per la conoscenza dell’Io, verso la ricerca scientifica e lo studio della memoria.
Insomma è un’autobiografia a tutti gli effetti, ma è un po’ speciale. Oltre al racconto degli eventi della sua vita, Kandel ripercorre la storia della nascita della nuova scienza della mente. Ed è infatti proprio questo il sottotitolo del libro: Alla ricerca della memoria, la storia di una nuova scienza della mente. E così, 
seguendo un po’ il suo stesso percorso di ricerca (dalla singola cellula all’organismo), a partire da volti e nomi con cui studia e collabora, viene fuori il racconto delle principali scoperte che ci hanno portato un piccolo passo alla volta alla scoperta del neurone, della sinapsi, del neurotrasmettitore. Continua a leggere

Storie da ascoltare: podcast che vi consiglio

Ho scoperto il mondo dei podcast per caso, durante un viaggio di ritorno a casa in cui ero alla ricerca di un po’ di compagnia. Per questo ho cliccato sulla voce Podcast di Spotify e mi sono ritrovata in un universo di storie da ascoltare. 
È un concetto diverso da quello di un e-book, potremmo piuttosto paragonare i podcast ad una serie audio. Come una serie tv si tratta di puntate, in alcuni casi puntate che compongono una storia; in altri casi il podcast prende più le sembianze di uno show in cui ogni episodio è dedicato ad un diverso argomento. 
Ho visto che esistono podcast di ogni genere: i più gettonati sono i daily delle principali testate giornalistiche, che danno aggiornamenti sulle notizie del giorno. Ma ce ne sono davvero per ogni gusto e trovo che siano un modo interessante e intelligente per apprendere e documentarsi.
In primo luogo per l’accessibilità: Spotify è ormai alla portata di tutti e nel caso dei podcast non c’è alcuna differenza tra la versione base e quella premium dell’app. 
In secondo luogo ti permettono di ascoltare e informarti mentre fai altro, dall’attività più semplice come quella di camminare, alle pulizie di casa…
Ma poi per la mole di contenuti che si può trovare e su cui si possono scoprire cose, a volte anche casualmente. 
Diciamo pure che ne sono rimasta estasiata. Quindi ho pensato di portare anche questo mondo qui sul blog e presentarvi qualche podcast che ho già ascoltando o che sto ascoltando. E poi qualcuno su cui ho già messo gli occhi (o meglio le orecchie). Se ne conoscete qualcuno e avete consigli, in questo periodo sono particolarmente interessata ad ogni suggerimento!
Tutti quelli di cui vi parlo sono presenti su Spotify, so che ce ne sono molti interessanti su vari siti e piattaforme, ma per ora ha vinto la comodità e quindi è l’unico canale attraverso il quale ascolto podcast.


Quattro podcast che ho ascoltato

Veleno

veleno.jpgVeleno è una serie podcast, un’inchiesta realizzata da Pablo Trincia e Alessia Rafanelli per la Repubblica. È composta da una singola stagione per un totale di 7 episodi più uno extra (ciascuno dura circa 40-50 minuti). La storia è una vicenda di cronaca avvenuta tra il 1997 e 1998 in due paesini in provincia di Modena: sedici bambini furono portati via dalle loro famiglie e affidate ai servizi sociali. Il motivo? Accuse di pedofilia e satanismo. Quasi tutti i loro genitori furono processati, alcuni assolti e altri condannati. Nessuno di loro ha mai rivisto i propri figli. Continua a leggere

Recensione: Arte e neuroscienze, le due culture a confronto di Eric R. Kandel

Arte e neuroscienze

  • Titolo: Arte e neuroscienze (Reductionism in Art and Brain Science: Bridging the Two Cultures)
  • Autore: Eric R. Kandel
  • Casa Editrice: Raffaello Cortina Editore
  • Data pubblicazione: 2016
  • Prima edizione italiana: 19 Ottobre 2017
  • Pagine: 227
  • Trama: Arte e scienza possono trovare un terreno comune? In questo nuovo libro, il premio Nobel Eric Kandel sostiene che la scienza può plasmare il nostro modo di assaporare le opere d’arte e aiutarci a comprenderne il significato. Il riduzionismo, che mira a riportare i concetti scientifici o estetici complessi a componenti più semplici, ha guidato la transizione dall’arte figurativa alle prime manifestazioni dell’arte astratta, di cui si vede il riflesso nelle opere di Monet, Kandinsky e Mondrian. Kandel spiega come nel dopoguerra Pollock, de Kooning e Rothko abbiano utilizzato un approccio riduzionista per arrivare al loro espressionismo astratto e come Warhol e altri abbiano reimmaginato l’arte figurativa e minimale. Arricchito da esplicativi disegni del cervello e stupendamente illustrato da riproduzioni a colori dei capolavori dell’arte moderna, questo libro mette in evidenza i punti di contatto fra scienza e arte e il modo in cui esse si illuminano a vicenda.

Eric KandelHo conosciuto Kandel come primo autore del libro Principi di neuroscienze, il libro che ho usato per preparare l’esame di fisiologia II. Poi, a Natale, mia mamma mi ha regalato due suoi libri: uno è appunto questo, Arte e neuroscienze, mentre l’altro è Alla ricerca della memoria, che spero di recensirvi presto (vi avevo parlato qui di entrambi). Li ho letti uno dopo l’altro, cominciando da questo, che è il più corto dei due (per non parlare di quanto sia bello con tutte le immagini, gli schemi e le foto) e che mi sembrava affrontare un argomento che avevo già studiato (al contrario della memoria): quello della visione. Continua a leggere