Recensione: Magari domani resto di Lorenzo Marone

Non vedevo l’ora di scrivere questa recensione: da una parte perché avevo in mente tante cose di cui parlare, che ho trovato tra queste pagine; dall’altra perché per me ormai Lorenzo Marone occupa un posto speciale tra i miei autori, avendo avuto l’occasione bellissima di incontrarlo e parlarci. A questo link trovate l’intervista che ne era venuta fuori. ❤

magari-domani-resto

  • Titolo: Magari domani resto

  • Autore: Lorenzo Marone

  • Casa Editrice: Feltrinelli
  • Data pubblicazione: 9 Gennaio 2017
  • Pagine: 320
  • Genere: Narrativa italiana
  • Trama: Chiamarsi Luce non è affatto semplice, specie se di carattere non sei sempre solare. Peggio ancora se di cognome fai Di Notte, uno dei tanti scherzi di quello scombinato di tuo padre, scappato di casa senza un perché. Se poi abiti a Napoli nei Quartieri Spagnoli e ogni giorno andare al lavoro in Vespa è un terno al lotto, se sei un avvocato con laurea a pieni voti ma in ufficio ti affidano solo scartoffie e se hai un rottame di famiglia, ci sta che ogni tanto ti arraggi un po’. Capelli corti alla maschiaccio, jeans e anfibi, Luce è una giovane onesta e combattiva, rimasta bloccata in una realtà composta da una madre bigotta e infelice, da un fratello fuggito al Nord, da un amore per un bastardo Peter Pan e da un lavoro insoddisfacente.
    Come conforto, solo le passeggiate con Alleria, il suo Cane Superiore, unico vero confidente, e le chiacchiere con l’anziano vicino don Vittorio, un musicista filosofo in sedia a rotelle. Finché, un giorno, a Luce viene assegnata una causa per l’affidamento di un minore. All’improvviso, nella sua vita entrano un bambino saggio e molto speciale, un artista di strada giramondo e una rondine che non ha nessuna intenzione di migrare. La causa di affidamento nasconde molte ombre, ma è forse l’occasione per sciogliere nodi del passato e mettere ordine nella capatosta di Luce. Risolvendo un dubbio: andarsene, come hanno fatto il padre, il fratello e chiunque abbia seguito l’impulso di prendere il volo, o magari restare, trovando la felicità nel suo piccolo pezzettino di mondo?

Opinione personale

tumblr_m9gnert_Xk_R1rsd4d8o1_500.jpg
Luce, protagonista (per la prima volta femminile) di questo libro, vive a Napoli, nei Quartieri Spagnoli, cerca di farsi strada per diventare avvocato, mentre porta sulle spalle il peso dell’abbandono del padre e di tanti rapporti aspri nella sua famiglia, che probabilmente l’hanno scolpita nella persona che è.
La vita più o meno ordinaria di Luce procede tranquillamente, in una quotidianità su cui lei non si interroga, ma che affronta con grinta ed energia, fino a quando una serie di incontri ed eventi arrivano a cambiare la prospettiva con cui guarda il mondo. 
Read More »

Pronti per gli scaffali #66

Pronti per gli scaffali 2

  • lurobolo-di-coralloTitolo: L’urobolo di Corallo
  • Autore: Rosalba Perrotto
  • Genere: Narrativa italiana
  • Editore: Salani
  • Data uscita: 23 Febbraio 2017
  • Link all’acquisto su Amazon
  • Pagine: 300
  • Trama: Sicilia, giorni nostri. Anastasia è una signora catanese della media borghesia, ormai avviata verso la terza età; madre di due figlie femmine e nonna di Matteo, è stata abbandonata qualche anno prima dal marito, ma si considera ancora sposata. La sua vita è stata fino a questo momento un susseguirsi di doveri e di convenzioni. Le cose cambiano a partire da un giorno ben preciso: la seconda moglie del nonno paterno, lituana e ben più giovane di lui, è morta e ha lasciato in eredità a lei e alle tre cugine un intero palazzetto di inizio Novecento a San Berillo, malfamato quartiere di Catania. Dopo tanti anni si rende conto che fino a quel momento ha fatto solo ciò che hanno deciso gli altri per lei, e coraggiosamente riprende la guida della sua auto, abbandonata nel garage dopo un incidente. Nel frattempo le ritorna in mente Igor, il bambino che a dieci anni l’aveva chiesta in sposa sotto l’albero di Natale, e si mette in testa di rintracciarlo: lo vede un giorno in televisione, intervistato in merito alla chiusura di una storica libreria indipendente. Anastasia spera di ritrovarlo e di proporgli di aprire insieme una libreria nella palazzina ereditata…

Read More »

Bookchiacchierando: Italian Book Challenge 2017

Bookchiacchierando 2

Italian Book Challenge 2017

cropped-16343594_10212211314068261_1448674798_n

La prima edizione dell’Italian Book Challenge c’è stata lo scorso anno, e ne avevamo parlato qui. L’iniziativa ha avuto poi un grande successo, con 8000 partecipanti e un entusiasmo generale senza precedenti. Quest’anno, con la nuova edizione iniziata il 28 Gennaio, è stata mantenuta l’idea generale, ma sono state introdotte, allo stesso tempo, varie novità. L’organizzazione generale è stata quest’anno affidata all’ideatrice dell’iniziativa, Serena Casini, della Libreria Volante di Lecco, insieme a Maria Carmela Sciacca (Vicolo Stretto) e Ludovica Giuliani (Notti bianche).
Mentre lo scorso anno c’era un’unica sfida da 50 libri, quest’anno ce ne sono ben due:  una da 35 titoli e una da 100. Ogni partecipante avrà a disposizione una scheda, fornita dal libraio, con le cento categorie: quelli che aderiranno alla prima sfida dovranno scegliere 35 categorie, mentre per i lettori da 100, si dovrà leggere un libro per ogni tipologia.
Al momento dell’acquisto del libro, verrà apposto un timbro alla categoria corrispondente. Si dovranno poi registrare anche data di inizio e di fine lettura  e un breve commento.
Quaranta categorie sono state comunicate ai partecipanti sin dall’inizio, mentre le successive sessanta saranno svelate 6 ogni mese da Febbraio a Novembre.
Le premiazioni saranno, come lo scorso anno, due: una intermedia in occasione dell’evento Letti di notte  del 17 Giugno  in cui ogni libreria conterà timbri e valuterà commenti di lettura, dando al più meritevole (maggior numero di letture portate a termine e commenti validi) un premio; il tempo per le letture scadrà poi il 2 Dicembre. La premiazione finale si avrà dopo che le schede saranno spedite dai librai allo staff nazionale per lo spoglio. In palio tanti titoli in edizioni fuori commercio.
Il sito dedicato all’iniziativa è questo: http://www.italianbookchallenge.com/
Qui potrete trovare i vari aggiornamenti, come le categorie che ogni mese vengono rivelate, il regolamento completo, la lista delle librerie e delle categorie.

Recensione: Non aspettare la notte di Valentina D’Urbano

Anche quest’anno per San Valentino volevo pubblicare un articolo a tema simpatico e carino come l’anno scorso (Le storie d’amore che mi hanno fatta innamorare), ma non avevo molte idee. Poi ho pensato a questa recensione che avevo ancora da scrivere, e che nessun giorno sarebbe stato migliore di San Valentino per pubblicarla. Perché di amore c’è ne è tanto, e mi piace che sia lontano dagli schemi di idealizzazione che normalmente associamo proprio a questa giornata…

❤ Happy Valentine’s Day ❤

non-aspettare-la-notte

  • Titolo: Non aspettare la notte

  • Autore: Valentina D’Urbano

  • Casa Editrice: Longanesi
  • Data pubblicazione: 25 Agosto 2016
  • Pagine: 350
  • Genere: Romantico
  • Trama:  Giugno 1994. Roma sta per affrontare un’altra estate di turisti e afa quando ad Angelica viene offerta una via di fuga: la grande villa in campagna di suo nonno, a Borgo Gallico. Lì potrà riposarsi dagli studi di giurisprudenza. E potrà continuare a nascondersi. Perché a soli vent’anni Angelica è segnata dalla vita non soltanto nell’animo ma anche su tutto il corpo. Dopo l’incidente d’auto in cui sua madre è morta, Angelica infatti, pur essendo bellissima, è coperta da cicatrici. Per questo indossa sempre abiti lunghi e un cappello a tesa larga. Ma nessuno può nascondersi per sempre. A scoprirla sarà Tommaso, un ragazzo di Borgo Gallico che la incrocia per caso e che non riesce più a dimenticarla. Anche se non la può vedere bene, perché Tommaso ha una malattia degenerativa agli occhi e sono sempre più i giorni neri dei momenti di luce. Ma non importa, perché Tommaso ha una Polaroid, con cui può immortalare anche le cose che sul momento non vede, così da poterle riguardare quando recupera la vista. In quelle foto, Angelica è bellissima, senza cicatrici, e Tommaso se ne innamora. E con il suo amore e la sua allegria la coinvolge, nonostante le ritrosie. Ma proprio quando sembra che sia possibile non aspettare la notte, la notte li travolge…

Opinione personale

tenda.jpgCome la maggior parte dei lettori, tendo ad affidarmi molto alla trama di un libro, quella sul risvolto della copertina. Quando però mi trovo davanti un libro della D’Urbano, sperimento l’esperienza di avventurarmi in una lettura senza avere la minima idea sulla storia che leggerò. Credo di averlo già detto in qualche occasione, ma il suo nome è una garanzia; e così, fatta eccezione per un rapido sguardo alla trama, giusto per curiosità, nel momento in cui ho scoperto che stava per uscire il libro, ho conosciuto poco a poco Angelica e Tommaso, pagina dopo pagina.
Entrambi immersi in esperienze di dolore personale, si incontrano e si scoprono durante le vacanze estive, che lei va a trascorrere vicino al paese di Tommaso. Si conoscono, come due normali ragazzi, si innamorano, come due normali ragazzi. E si scambiano, in un certo senso, un pezzettino di dolore. 
Read More »

Pronti per gli scaffali #65

Pronti per gli scaffali 2

  • Magari domani resto.jpgTitolo: Magari domani resto
  • Autore: Lorenzo Marone
  • Genere: Narrativa italiana
  • Editore: Longanesi
  • Data uscita: 9 Febbraio 2017
  • Link all’acquisto su Amazon
  • Pagine: 315
  • Trama: Luce, una trentenne napoletana, vive nei Quartieri Spagnoli ed è una giovane onesta, combattiva, abituata a prendere a schiaffi la vita. Fa l’avvocato, sempre in jeans, anfibi e capelli corti alla maschiaccio. Il padre ha abbandonato lei, la madre e un fratello, che poi ha deciso a sua volta di andarsene di casa e vivere al Nord.
    Così Luce è rimasta bloccata nella sua realtà abitata da una madre bigotta e infelice, da un amore per un bastardo Peter Pan e da un capo viscido e ambiguo, un avvocato cascamorto con il pelo sullo stomaco. Come conforto, le passeggiate sul lungomare con Alleria, il suo cane superiore, unico vero confidente, e le chiacchiere con il suo anziano vicino don Vittorio, un musicista filosofo in sedia a rotelle.
    Un giorno a Luce viene assegnata una causa per l’affidamento di un minore, e qualcosa inizia a cambiare. All’improvviso, nella sua vita entrano un bambino saggio e molto speciale, un artista di strada giramondo e una rondine che non ha nessuna intenzione di migrare.
    La causa di affidamento nasconde molte ombre, ma forse è l’occasione per sciogliere nodi del passato e mettere un po’ d’ordine nella capatosta di Luce. Risolvendo un dubbio: andarsene, come hanno fatto il padre, il fratello e chiunque abbia seguito il vento che gli diceva di fuggire, o magari restare?

Read More »

Bookchiacchierando: La fragilità sul palcoscenico e 50 motivi per amare Leopardi

Considerando che ho pubblicato giusto ieri la recensione di L’arte di essere fragili di Alessandro D’Avenia e che mi trovo ancora nella fase in cui continuo a pensarci e a rifletterci su, ho fatto un bel giro in rete partendo proprio dal blog dell’autore Prof 2.0 (che vi consiglio di nuovo) e passando poi per varie interviste e recensioni.
Ho trovato così spiegazioni e approfondimenti molto belli che non potevo fare a meno di condividere qui sul blog e che credo possano dare un’idea generale del libro meglio di quanto sia riuscita a fare io.

Bookchiacchierando 2

La fragilità sul palcoscenico

D'Avenia.jpg

Credo che la maggior parte dei lettori sappia già questa cosa  io avrei voluto parlarne prima, ma allo stesso tempo volevo prima finire di leggere il libro. Quindi, dopo mesi, mi ritrovo a scrivere dello spettacolo teatrale a cui D’Avenia ha dato vita. Si tratta di un racconto teatrale, che porta sul palcoscenico il libro stesso.Read More »

Recensione: L’arte di essere fragili di Alessandro D’Avenia

larte-di-essere-fragili

  • Titolo: L’arte di essere fragili

  • Autore: Alessandro D’Avenia

  • Casa Editrice: Mondadori
  • Data pubblicazione: 31 Ottobre 2016
  • Pagine: 209
  • Genere: Saggio
  • Trama: Leopardi è spesso frettolosamente liquidato come pessimista e sfortunato. Fu invece un giovane uomo affamato di vita e di infinito, capace di restare fedele alla propria vocazione poetica e di lottare per affermarla, nonostante l’indifferenza e perfino la derisione dei contemporanei. Nella sua vita e nei suoi versi, D’Avenia trova folgorazioni e provocazioni, nostalgia ed energia vitale. E ne trae lo spunto per rispondere ai tanti e cruciali interrogativi che da molti anni si sente rivolgere da ragazzi di ogni parte d’Italia, tutti alla ricerca di se stessi e di un senso profondo del vivere. Domande che sono poi le stesse dei personaggi leopardiani: Saffo e il pastore errante, Nerina e Silvia, Cristoforo Colombo e l’Islandese… Domande che non hanno risposte semplici, ma che, come una bussola, se non le tacitiamo possono orientare la nostra esistenza. La sfida è lanciata, e ci riguarda tutti: Leopardi ha trovato nella poesia la sua ragione di vita, e noi? Qual è la passione in grado di farci sentire vivi in ogni fase della nostra esistenza? Quale bellezza vogliamo manifestare nel mondo, per poter dire alla fine: nulla è andato sprecato? 

 

Opinione personale

IMG_20170209_173753.jpg
Grazie Livi ♥

Il mio primo vero incontro con Leopardi è stato all’inizio del quinto anno delle scuole superiori: l’ho conosciuto grazie ad una professoressa bravissima e ne sono rimasta inevitabilmente conquistata. Nella mia testa, ricordi di scuole medie e voci in generale, me lo avevano fatto associare (come accade per la maggior parte delle persone) ad un pessimismo (suddiviso nelle varie fasi evolutive) totale e pesante. Ho avuto poi la fortuna di conoscerlo meglio, di vedermelo presentare mediante le sue mille contraddizioni e sfumature, più semplicemente attraverso la sua poesia.
Alessandro D’Avenia, scrittore e insegnante di letteratura italiana, ha fatto, per me, esattamente la stessa cosa: questo libro non è una biografia, né tanto meno una critica letteraria. È una raccolta di lettere che il romanziere scrive al poeta, e che hanno il potere di presentare al lettore Leopardi come D’Avenia lo conosce. Read More »

Pronti per gli scaffali #64

Ecco le ultime uscite del mese di Gennaio e le prime di Febbraio. Ho appena scoperto che sta per uscire il quarto capitolo de Il mio splendido migliore amico (Ecco i link delle mie recensioni di Il mio splendido migliore amico, Tra le braccia di Morfeo Il segreto della regina rossa) e non vedo l’ora!

Pronti per gli scaffali 2

  • la-tua-seconda-vita-comincia-quando-capisci-di-averne-una-solaTitolo: La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
  • Autore: Raphaelle Giordano
  • Genere: Narrativa straniera
  • Editore: Garzanti
  • Data uscita: 26 Gennaio 2017
  • Link all’acquisto su Amazon
  • Pagine: 215
  • Trama: Ci sono giornate in cui tutto va storto. È così per Camille, quando sotto un incredibile diluvio si trova con l’auto in panne e senza la possibilità di chiamare nessuno. Tutte le sfortune del mondo sembrano concentrarsi su di lei. Ma Camille non sa che quello è il giorno che cambierà il suo destino per sempre. Un uomo le offre il suo aiuto. Si chiama Claude, e si presenta come un «ambasciatore della felicità». Le dice che lui è in grado di dare una svolta alla vita delle persone. Camille sulle prime non dà peso alle sue parole. Eppure, riscoprire la bellezza delle piccole cose renderebbe tutto più facile: l’aiuterebbe ad andare di nuovo d’accordo con il figlio ribelle e a ritrovare la sintonia di un tempo con il marito. Così decide di ricontattare Claude e di seguire le sue indicazioni. Per liberarsi delle caratteristiche negative c’è ogni giorno un semplice esercizio da compiere, un piccolo passo alla volta: ripercorrere le sensazioni di un momento felice, guardarsi allo specchio e farsi dei complimenti, contare tutte le volte che ci si lamenta durante la giornata. A volte basta solo ringraziare per quello che di buono accade, dal profumo del caffè la mattina a una realizzazione personale. Camille comincia a mettere in pratica questi consigli, e intorno e dentro di lei qualcosa succede. Con il sorriso sulle labbra, non è più così difficile parlare con suo figlio e riscoprire con suo marito i motivi per cui si erano scelti. Ma c’è una cosa ancora più importante che Camille ha imparato. Non c’è felicità se non la si divide con qualcuno. Questo è davvero l’ultimo tassello per fare di ogni giorno un giorno speciale, di ogni istante un istante da ricordare.

Read More »

Recensione: Strider-La grande foresta di Andrea Grassi

Ho ricevuto questo libro dall’autore mesi fa, ma ho sia impiegato più tempo del previsto a leggerlo, sia avuto poco tempo per recensirlo. Quindi ho rimandato fino ad ora.
Ringrazio comunque di cuore Andrea Grassi per la disponibilità e la bella lettura e la dedica:)

Strider la grande foresta.jpg

  • Titolo: La grande foresta (Strider #1)

  • Autore: Andrea Grassi

  • Casa Editrice: Self published
  • Data pubblicazione: Luglio 2013
  • Pagine: 340
  • Genere: Fantasy
  • Trama:  Un tempo vi fu una guerra terribile, un conflitto tra gli uomini… e qualcos’altro.
    La Storia è un susseguirsi d’invasioni e soprusi, ma nessuno era preparato ad affrontare ciò che uscì dalla nebbia che un giorno avvolse il Nord. Da quel momento qualcosa cambiò per sempre, nel mondo e nelle persone.
    Ma, per due ragazzini di quello che potrebbe essere l’ultimo villaggio ancora esistente, la Nebbia Nera ed i guerrieri conosciuti come Strider sono solo vecchie storie…Fino a quando un orfano senza alcuna memoria del proprio passato sconvolge le loro vite, perché la Progenie non è solo un ricordo e la guerra… forse non è mai davvero finita.

Opinione personale

forestaUn fantasy non lo leggevo da un po’, quando ho iniziato questo libro, e tutta quella creazione di un bel mondo del tutto nuovo, l’immaginarselo e costruirselo un po’ insieme all’autore, mi mancava.
Elana, Ian e Nora, tre ragazzi con storie diverse, che si incontrano tra loro in momenti diversi, sono i giovani protagonisti di questa storia, che li vede alla scoperta di segreti più grandi di loro, con radici affondate nella storia della loro terra.
Sono infatti passati anni dalla Guerra che ha devastato e decimato le popolazioni, ma il pericolo della Nebbia Nera e della Progenie, i mostri che hanno già seminato distruzione una volta, sembra ora più vivo che mai. Read More »

Bookchiacchierando: Instabook

Bookchiacchierando 2

Instabook

The easiest way to find the books you are looking for

instabook1

Mi capita di continuo di ricordare una frase, o uno spezzone di frase, particolarmente bella, ma di non sapere da dove viene fuori, da quale libro l’ho letta. Poi cerco su internet, nessuno ha apparentemente mai citato quelle parole e tra centinaia di risultati che non hanno niente a che fare, la frase resta in sospeso ancora irrisolta, con “Ce l’ho sulla punta della lingua, ma proprio non mi viene”.
Poi ci sono i casi di frasi super celebri, citate da tutti, senza una fonte, o magari con un nome di un autore che l’ha scritta, ma chissà dove.
Non ci avevo mai pensato, effettivamente, ad uno Shazam (celebre applicazione capace di risalire al titolo della canzone in riproduzione) dei libri, ma credo che questa idea, diventata realtà con IstaBook, sia davvero geniale. Read More »