Recensione: Sadie di Courtney Summers

Ringrazio di cuore Laura dell’ufficio stampa Rizzoli per avermi permesso di leggere e recensire Sadie. ♥
Le immagini che trovate qui sotto sono opere di Agata Wierzbicka, illustratrice che ha anche realizzato la copertina del libro.

Sadie.jpg

  • Titolo: Sadie
  • Autore: Courtney Summers
  • Casa Editrice: Rizzoli
  • Data pubblicazione: 4 Settembre 2018
  • Prima edizione italiana: 25 Giugno 2019
  • Pagine: 367
  • Trama: Quando il popolare conduttore radiofonico West McCray riceve una telefonata da una donna che lo implora di cercare Sadie Hunter, diciannove anni, scomparsa da alcuni mesi, l’uomo non è davvero convinto che quella sarà una storia da raccontare: è tristemente consapevole che di ragazze scomparse ce ne siano molte, troppe, ogni giorno. Ma quando viene a sapere che Sadie si è allontanata da casa dopo il brutale omicidio irrisolto della sorella Mattie, tredici anni, parte alla volta di Cold Creek, Colorado, per cercare di saperne di più.
    Sadie non ha idea che la sua storia stia per diventare il soggetto di un podcast di successo seguito da una costa all’altra degli Stati Uniti. Tutto ciò che vuole è vendetta: armata di un coltello a serramanico e del suo lacerante dolore, Sadie colleziona una serie di confusi indizi che seguono le tracce dell’uomo che è convinta abbia ucciso la sorella.
    Mentre West ricostruisce il viaggio di Sadie, ritrovandosi sempre più coinvolto dalla storia della ragazza e ossessionato dal pensiero di ritrovarla, un mistero inquietante comincia a prendere forma e a svelarsi. Riuscirà West a ricomporre il puzzle della verità prima che per Sadie sia troppo tardi?
    Alternando le puntate del podcast alla lucida voce di Sadie, che racconta in prima persona la sua caccia all’uomo, Courtney Summers ci regala una storia struggente che resta sulla pelle ben oltre la sua ultima pagina.

agata-wierzbicka-illustration-F-1050x700Il 24 Giugno, il giorno prima dell’attesissima uscita in Italia di Sadie, ho ricevuto un’email dall’ufficio stampa Rizzoli in cui mi si proponeva di leggere e recensire il libro. Ad essere sincera, non avevo mai sentito parlare di Courtney Summers, ma ho rimediato subito. Ho scoperto che, nonostante questo sia il primo dei suoi libri tradotto e pubblicato qui da noi, lei è da anni tra le autrici più apprezzate del genere Young Adult: tra l’altro ha anche in Italia un bel pubblico che la leggeva da tempo in lingua originale. 
Ovviamente ho accettato al volo la proposta: non leggo da un po’ libri del genere e in effetti ne ho letti pochi, ma non mi dispiacciono affatto.
Il libro si apre con il primo episodio di Le Ragazze, podcast realizzato da West McCray, un giornalista radiofonico, che parla della scomparsa della diciannovenne Sadie Hunter, in seguito alla morte di sua sorella Mattie. Vivono, o meglio vivevano, a Cold Creek in una roulotte: in un posto di desolazione e cicatrici che ti porti dietro per sempre. Claire, la loro madre, le aveva abbandonate ormai da anni, ed era Sadie ad occuparsi della sorella, mentre May Beth si occupava di entrambe, quasi come una vera nonna. 

Io sono il risultato di biberon pieni di gassosa al limone, ho un organismo che non sa elaborare le cose belle della vita.

A brevi capitoli che riportano la trascrizione degli episodi del podcast, si alternanoAgata-Wierzbicka-illustration-summertime-ll-600x800 capitoli in cui è Sadie a raccontare la sua storia, dal momento in cui si mette alla ricerca di una macchina usata da acquistare per partire per il suo viaggio: un qualcosa che sta tra la redenzione, la vendetta personale, quella per Mattie e per tutti gli altri volti di bambine come lei. Tappa dopo tappa, la voce sempre rotta da una balbuzie che è la sua debolezza, ma anche la sua forza, Sadie si fa strada tra personaggi colpevoli e innocenti, tra inganni e conoscenze che le scalderanno il cuore, in un modo che non aveva mai sperimentato.
Non so da quanto non mi capitava di affrontare una lettura in questo modo, di immergermi tra le pagine con la piacevole voglia di saperne sempre di più, una riga dopo l’altra. Ho letteralmente divorato le pagine, ho fatto tardi per finire di leggere, preso il libro in mano in qualsiasi momento libero, dalla fermata dell’autobus alle pause dallo studio. Sicuramente non leggevo da tempo un libro di questo genere: nonostante di recente abbia fatto tante letture belle, ero sempre tra il saggio, l’autobiografia e una narrativa un po’ più tranquilla (fa eccezione Insciallah di Oriana Fallaci che è in corso di lettura e mi sta prendendo da morire!).
Mi sono semplicemente divertita a leggere questo libro: mi è piaciuto prevedere cosa stava per succedere, o non prevederlo affatto in alcuni momenti. Mi è piaciuto conoscere Sadie, la sua personalità e la sua storia, un tassello alla volta, aspettando i dettagli che andassero a completare il quadro. Quell’affetto mai avuto da parte di sua madre, che forse però era solo una donna sola e ferita; quell’istinto di proteggere sua sorella e l’amore ancora puro di Mattie nei confronti di Claire. Mi è piaciuto questo andamento a tappe, un percorso di cui conoscevo la fine, ma ignoravo il come ci sarei arrivata e quanti volti si sarebbero parati davanti a Sadie lungo la strada. Mi è piaciuto tanto anche il finale.

Dimentico sempre che la paura può essere vinta, ma continuo a impararlo di nuovo e questo, credo, è meglio che non farlo mai.

agata-wierzbicka-illustration-1050x700All’inizio ero un po’ dubbiosa sui capitoli podcast, ma poi ci ho fatto l’occhio: facevo il tifo per West, che cercava di inseguirci, me e Sadie. Perché io in realtà ero con lei, sempre un passo avanti, e mentre ci lasciavamo dietro prove, lui le raccoglieva e ripercorreva i nostri passi. Alla fine anche West mi ha raccontato tante cose, e le sue pagine le aspettavo con piacere.
Di certo non si tratta di un genere di lettura impegnativo: certo, ci sono temi delicati e a mio avviso Courtney Summers è riuscita a farli parte della storia senza mai banalizzare nulla né renderlo poco credibile. Però è una lettura leggera, scorre veloce nella mente del lettore, fa emozionare perché è impossibile non entrare nei panni di Sadie, non sentirsi lì con lei, non voler andare avanti e soprattutto scavare indietro. Mi ha riportato in un mondo fatto di personaggi adolescenti sopra le righe, di passati difficili, di colpi di scena e posti che non sono mai troppo familiari. Uno stile che ho apprezzato davvero molto e una trama costruita ad arte per tenermi con il naso tra le pagine. Una sensazione inappagabile.
Ecco, per restare in tema: seconda lettura estiva che vi consiglio di cuore. Delle pagine che, pur contenendo tanta solitudine, vi faranno sentire al centro di un mondo estremamente popolato, da cui vorreste non dover più uscire.

Per alcune persone il futuro che ci aspetta è un’opportunità. Per altre, è solo un periodo che non hai vissuto e dove abitavo io, era solo tempo. Non sprechi il fiato cercando di proteggerlo. Ti limiti a sopravvivere fino al giorno in cui non ce la fai più.

♥ ♥ ♥ ½


Link all’acquisto su Amazon

Courtney Summers: è nata a Belleville, Ontario, Canada, nel 1986 e vive in una piccola città non lontano da lì. Pubblica il suo primo romanzo, Cracked Up to Be, a 22 anni. Celebre per le sue protagoniste problematiche, toste e indipendenti, Courtney è a oggi autrice di sei romanzi, libri che le sono valsi numerosi premi, tra cui l’inserimento nella lista delle 60 Top Millennial Women under 30. Sadie ha vinto l’Edgar Award 2019 nella categoria Best YA Fiction, premio assegnato dall’organizzazione Mystery Writers of America alla migliore opera di genere giallo, horror e thriller.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...