Storie da ascoltare: podcast che vi consiglio

Ho scoperto il mondo dei podcast per caso, durante un viaggio di ritorno a casa in cui ero alla ricerca di un po’ di compagnia. Per questo ho cliccato sulla voce Podcast di Spotify e mi sono ritrovata in un universo di storie da ascoltare. 
È un concetto diverso da quello di un e-book, potremmo piuttosto paragonare i podcast ad una serie audio. Come una serie tv si tratta di puntate, in alcuni casi puntate che compongono una storia; in altri casi il podcast prende più le sembianze di uno show in cui ogni episodio è dedicato ad un diverso argomento. 
Ho visto che esistono podcast di ogni genere: i più gettonati sono i daily delle principali testate giornalistiche, che danno aggiornamenti sulle notizie del giorno. Ma ce ne sono davvero per ogni gusto e trovo che siano un modo interessante e intelligente per apprendere e documentarsi.
In primo luogo per l’accessibilità: Spotify è ormai alla portata di tutti e nel caso dei podcast non c’è alcuna differenza tra la versione base e quella premium dell’app. 
In secondo luogo ti permettono di ascoltare e informarti mentre fai altro, dall’attività più semplice come quella di camminare, alle pulizie di casa…
Ma poi per la mole di contenuti che si può trovare e su cui si possono scoprire cose, a volte anche casualmente. 
Diciamo pure che ne sono rimasta estasiata. Quindi ho pensato di portare anche questo mondo qui sul blog e presentarvi qualche podcast che ho già ascoltando o che sto ascoltando. E poi qualcuno su cui ho già messo gli occhi (o meglio le orecchie). Se ne conoscete qualcuno e avete consigli, in questo periodo sono particolarmente interessata ad ogni suggerimento!
Tutti quelli di cui vi parlo sono presenti su Spotify, so che ce ne sono molti interessanti su vari siti e piattaforme, ma per ora ha vinto la comodità e quindi è l’unico canale attraverso il quale ascolto podcast.


Quattro podcast che ho ascoltato

Veleno

veleno.jpgVeleno è una serie podcast, un’inchiesta realizzata da Pablo Trincia e Alessia Rafanelli per la Repubblica. È composta da una singola stagione per un totale di 7 episodi più uno extra (ciascuno dura circa 40-50 minuti). La storia è una vicenda di cronaca avvenuta tra il 1997 e 1998 in due paesini in provincia di Modena: sedici bambini furono portati via dalle loro famiglie e affidate ai servizi sociali. Il motivo? Accuse di pedofilia e satanismo. Quasi tutti i loro genitori furono processati, alcuni assolti e altri condannati. Nessuno di loro ha mai rivisto i propri figli.Il problema fondamentale è che tanti vuoti restano in questa storia e che molte famiglie potrebbero essere state distrutte senza alcuna ragione. Dario il bambino zero, con le sue dichiarazioni e i suoi racconti, include nella storia altre bambine, che a loro volta raccontano di nottate nei cimiteri con altri piccoli volti. E così via, in una spietata reazione a catena, che però ha dell’insano.
Io l’ho ascoltata tutta e ne sono rimasta sconvolta. Probabilmente ho detto molto poco, ma non voglio rovinarvi nulla. So che è già molto popolare, ma se non l’avete ascoltata, fatelo. Si tratta di un lavoro davvero ben fatto, dall’inchiesta alle scelte narrative, fino alla stessa voce narrante di Pablo Trincia.
In ogni caso dal 9 Aprile, questa incredibile storia è diventata anche un libro.

Ascolta su Spotify Ascolta online


Morgana

morgana.jpgMorgana è in realtà il primo podcast che ho ascoltato, ma non interamente (anche perché la serie è tuttora in corso). Gli episodi non sono infatti collegati tra loro, per cui ne ascolto uno ogni tanto. La voce di Michela Murgia, scrittrice e co-autrice del podcast insieme a Chiara Tagliaferri, racconta in ogni episodio la vita di un personaggio femminile. Donne dell’arte, del mondo dello spettacolo, della musica, della storia… donne fate e streghe un po’ controcorrente. Ho ascoltato come prima, la storia di Marina Abramovic, che conoscevo solo in parte. Poi Madonna, Vienne Westwood, Margareth Atwood. La voce della Murgia è molto rilassante, gli intermezzi musicali sono super curati. E ogni episodio termina con l’intervento di un’altra donna, con cui l’autrice colloquia anche sul personaggio di cui si è appena parlato. Gli episodi escono ogni 16 del mese e durano circa 40 minuti ciascuno.

Ascolta su Spotify Ascolta online


Ted Talks daily

ted talks.pngGli episodi di Ted Talks daily escono ogni giorno. Sono tratti da conferenze TEDx e trattano qualunque argomento possibile. Durano tra i dieci e i venti minuti e sono in inglese. Ovviamente io non le ho ascoltate tutte (ne sono quasi 300 e come già detto ce n’è una nuova ogni giorno), però di tanto in tanto scorro la lunghissima lista e ne scelgo un paio interessanti da ascoltare. 
Una che mi è piaciuta particolarmente è How language shapes the way we think di Lera Boroditsky, una lezione tenuta da una celebre linguista sul modo in cui la lingua influenza il nostro modo di pensare e la nostra mentalità.
Credo che sia un bel modo per fare pratica con l’inglese e contemporaneamente scoprire o approfondire argomenti interessanti. Ovviamente fornisce una varietà di argomenti molto ampia. In realtà esistono podcast interamente dedicati all’apprendimento dell’inglese (o anche di altre lingue), però per ora sto trovando più utile questa modalità.

Ascolta su Spotify


Alessandro Barbero al Festival della Mente

barbero.jpgQuesta è la mia più recente scoperta, ma ne vado super fiera ed è il mio principale ascolto in questi ultimi giorni. La voce è quella di Alessandro Barbero, storico italiano, scrittore di saggistica e narrativa (premio Strega nel 1996, è poi stato anche parte della commissione), docente universitario. È noto al grande pubblico per la partecipazione a vari programmi e documentari storici della Rai. Questo podcast raccoglie tutti i suoi interventi  al Festival della Mente (dal 2007 ad oggi) più episodi extra su interventi in scuole o altri eventi (l’ultimo uscito è una lezione tenuta al Salone del Libro su Guerra e Pace).
Mi piace tantissimo il suo modo di raccontare gli eventi, di presentare le diverse versioni e di rendere tutto ancora più affascinante. Sono proprio delle spiegazioni che seguo con interesse e spaziano dai dettagli più curiosi alle interpretazioni profonde. Ci sono racconti di eventi dal Medioevo all’età contemporanea. Davvero consigliato!

Ascolta su Spotify


La ragazza lunatica

La ragazza lunaticaNon si tratta sicuramente di un podcast, ma il tema storie da ascoltare mi ha fatto inevitabilmente venire in mente La ragazza lunatica e quindi ho pensato di parlarvene qui. Si tratta di un progetto veramente molto carino: una sorta di rubrica di video a cadenza quasi settimanale, nei quali La Ragazza Lunatica, ormai cresciuta, si racconta. Si racconta attraverso la lettura dei suoi scritti, racconti d’infanzia, consigli, aneddoti, con un sottofondo musicale ogni volta diverso. Mi piace l’atmosfera quasi da salotto, da incontro abitudinario (con un quadro che ad ogni inizio video viene appeso al muro) l’aria di confidenza, la lettura espressiva e la punta di ironia. Vi lascio il link alla pagina facebook per seguirla.


Quattro podcast che vorrei ascoltare

Premesso che ascolterei tutti i podcast prodotti da storielibere.fmcome anche Morgana, ecco a voi qualche podcast (la maggior parte appunto di suddetta piattaforma) che ho in programma.

lovestoriescopertinaCopertina: Mi sembra un’idea geniale: un podcast di consigli di libri, dati, ovviamente da librai. Ogni episodio un libraio diverso e anche un consiglio da uno scrittore o editore (di Matteo B. Bianchi, scrittore, editor e autore televisivo)
Love stories: storie d’amore provenienti da ogni epoca. Da Maria e Giuseppe fino a Rocco Siffredi e Rozsa Tassi (di Melissa Panarello, scrittrice tra le altre cose del bestseller Cento colpi di 
spazzola prima di andare a dormire)
esordientifuckinggeniusF***ing genius 
: racconta le grandi figure geniali e sopra le righe che hanno cambiato la storia dell’umanità, da Einstein a Steve Jobs. (di Massimo Temporelli, fisico e divulgatore scientifico)
Esordienti: un podcast su tutti i meccanismi del mondo editoriale, dalla pubblicazione di un libro, con o senza casa editrice, alle scuole di scrittura. (di Matteo B. Bianchi, scrittore, editor e autore televisivo)

5 commenti

  1. “Veleno” mi è piaciuto tantissimo, ne ho parlato anch’io sul blog… io ascolto molto i podcast del Post (Konrad e Weekly Post), quelli di Ilenia Zodiaco e altri youtuber, “Ad Alta Voce” per gli audiolibri… ce ne sono davvero tantissimi!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...