Recensione: Strider-La grande foresta di Andrea Grassi

Ho ricevuto questo libro dall’autore mesi fa, ma ho sia impiegato più tempo del previsto a leggerlo, sia avuto poco tempo per recensirlo. Quindi ho rimandato fino ad ora.
Ringrazio comunque di cuore Andrea Grassi per la disponibilità e la bella lettura e la dedica:)

Strider la grande foresta.jpg

  • Titolo: La grande foresta (Strider #1)

  • Autore: Andrea Grassi

  • Casa Editrice: Self published
  • Data pubblicazione: Luglio 2013
  • Pagine: 340
  • Genere: Fantasy
  • Trama:  Un tempo vi fu una guerra terribile, un conflitto tra gli uomini… e qualcos’altro.
    La Storia è un susseguirsi d’invasioni e soprusi, ma nessuno era preparato ad affrontare ciò che uscì dalla nebbia che un giorno avvolse il Nord. Da quel momento qualcosa cambiò per sempre, nel mondo e nelle persone.
    Ma, per due ragazzini di quello che potrebbe essere l’ultimo villaggio ancora esistente, la Nebbia Nera ed i guerrieri conosciuti come Strider sono solo vecchie storie…Fino a quando un orfano senza alcuna memoria del proprio passato sconvolge le loro vite, perché la Progenie non è solo un ricordo e la guerra… forse non è mai davvero finita.

Opinione personale

forestaUn fantasy non lo leggevo da un po’, quando ho iniziato questo libro, e tutta quella creazione di un bel mondo del tutto nuovo, l’immaginarselo e costruirselo un po’ insieme all’autore, mi mancava.
Elana, Ian e Nora, tre ragazzi con storie diverse, che si incontrano tra loro in momenti diversi, sono i giovani protagonisti di questa storia, che li vede alla scoperta di segreti più grandi di loro, con radici affondate nella storia della loro terra.
Sono infatti passati anni dalla Guerra che ha devastato e decimato le popolazioni, ma il pericolo della Nebbia Nera e della Progenie, i mostri che hanno già seminato distruzione una volta, sembra ora più vivo che mai. 
Quello che mi mancava, quel mondo che volevo si formasse attorno a me, l’ho trovato quasi subito. L’ho trovato nel piccolo villaggio di Cori, che sembrav
a essere l’inizio e la fine di tutto, e l’ho trovato poi in tutta la Grande Foresta
, che si apriva pagina dopo pagina a numerosi segreti, e nella prospettiva di una lontana Minharan.
Mi è piaciuto tantissimo il modo in cui l’autore è riuscito a creare e rendere reali tutti i luoghi e i personaggi mostruosi, descritti in dettagli che me li hanno resi vividi, come i loro stessi nomi. (Complici anche i bei disegni di Ivan Calcaterra).
All’inizio ho apprezzato molto anche i personaggi: li avevo trovati ben caratterizzati, ritratti sotto prospettive che li definivano in modo giusto rispetto alle loro storie. Poi, però, andando avanti, li ho trovati un po’ bloccati, cristallizzati in pochi tratti: la rabbia di Ian, che sì, è chiaramente buono, la maturità quasi da mamma di Elana, l’innocenza di Nora. Certo, tutto è correlato a quello che si dice del loro passato, afumo-neronche a quello che non si dice e si lascia intendere, ma tutto viene sottolineato a tal punto da risultare prevedibile.
Leggendo, non ho pensato che la lettura fosse pesante, o che il libro non mi stesse piacendo (cosa che infatti non è vera). Però c’è da dire che ho impiegato mesi a leggerlo, e per quanto questo periodo abbia compreso l’inizio e il primo periodo di Università, e tutte le giornate trasformate, e tante altre cose, non avevo evidentemente la voglia, a giornata finita di aprire finalmente il libro per leggerne qualche pagina.
Guardando al libro e a quello che ci ho visto dentro, posso dire con sicurezza che tutto quello che Andrea Grassi ha creato è bellissimo, è un mondo definito in modo da riuscire a respirarlo, proprio quello che si cerca in un fantasy. Così come sono belli (non mi viene in mente un aggettivo migliore) i momenti d’azione, i colpi di scena inaspettati. D’altra parte però, non mi ha coinvolto al cento percento. Non sono riuscita a immedesimarmi appieno nella storia, nei personaggi, che sono tanti, che popolano tutte le scene, ma restano, se non piatti, un po’ vuoti.
Probabilmente influisce anche il fatto che di punti interrogativi se ne creano molti per buona parte del libro, lasciando il lettore in sospeso, ma in un modo non del tutto piacevole che non riesco a spiegare.
Per quanto riguarda lo stile, invece, ho apprezzato l’ironia, l’alternanza giusta tra momenti riflessivi, descrittivi e di azione, il modo di sdrammatizzare e indirizzare l’attenzione da una parte, piuttosto che da un’altra.
La parte finale mi è piaciuta molto di più, perché è riuscita a coinvolgermi, a risolvere qualche fastidioso dubbio, per l’azione molto più movimentata e i colpi di scena inaspettati.montagna
Il secondo libro lo vorrei leggere molto molto volentieri. 
A sensazione, dico che saprebbe coinvolgermi di più, perché dovrebbe essere la conclusione della duologia e mettere tutto in luce.
Come fantasy lo consiglio, con la precisazione che il fatto che io non mi sia sentita coinvolta, con il risultato di una lettura lenta, non vuol dire che non sia un libro valido, anzi! Forse dove io ho, involontariamente, visto un inceppo, qualcun altro si troverà più preso e più coinvolto. Cerco semplicemente di dire che è stata una cosa del tutto personale e non dovuta a pecche generali del libro.
Per gli amanti del genere sarà sicuramente una piacevole sorpresa…

Nora fece il primo passo verso l’età adulta rendendosi conto del fatto che la questione della responsabilità era davvero fastidiosa: si trattava alla fin fine di scegliere una cosa,  di pagare il prezzo del non aver scelto l’altra. In pratica, una fregatura.

Il mio voto:

cuoricino-piccolino (106x95)cuoricino-piccolino (106x95)cuoricino-piccolino (106x95)cuoricino-piccolino-106x95

Link all’acquisto su Amazon

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...