Recensione in anteprima: La notte che ho dipinto il cielo di Estelle Laure

Esce domani per DeAgostini questo libro, di cui vi avevo già parlato! Attesissimo grazie al premio BEA 2015 (più importante premio americano per Young Adults), ha suscitato approvazione un po’ dappertutto. Nella recensione di oggi ve lo racconto dai miei occhi.
Ringrazio la DeAgostini per avermi permesso di leggerlo in anteprima ❤

la notte che ho dipinto il cielo

Titolo: La notte che ho dipinto il cielo (This Raging Light) 

Autore: Estelle Laure

Casa editrice: DeAgostini
Data di pubblicazione: 22 Dicembre 2015
Prima edizione italiana: 16 Febbraio 2016
Genere: Young Adult
Pagine: 300
Trama: Per Lucille, diciassette anni e una passione per l’arte, l’amore ha il volto della sorellina Wrenny. Wrenny che non si lamenta mai di niente, Wrenny che sogna un soffitto del colore del cielo. E poi ha il volto di Eden. Eden che è la migliore amica del mondo, Eden che sa la verità. Quella verità che Lucille non vuole confessare nem-meno a se stessa: sua madre se n’è andata di casa e non tornerà. Ora lei e Wrenny sono sole, sole con una montagna di bollette da pagare e una fila di impiccioni da tenere alla larga. Prima che qualcuno chiami i servizi sociali e le allontani l’una dall’altra.
Ma è proprio quando la vita di Lucille sta cadendo in pezzi che l’amore assume un nuovo volto: quello di Digby. Digby che è il fratello di Eden, Digby che è fidanzato con un’altra e non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti. O forse sì?
L’unica cosa di cui Lucille è sicura è che non potrebbe esserci un momento peggiore per innamorarsi…
Opinione personale:
download (10)Lucille e Wrenny sono sole. Il loro padre è in un centro di salute psichica e la loro madre è andata via. Una pausa aveva detto. Così le due sorelle si trovano a destreggiarsi tra i problemi quotidiani, i conti da pagare, la casa e i suoi problemi domestici. Con loro ci sono Eden, la migliore amica di Lucille, e la sua famiglia, a partire da suo fratello Digby, del quale Lucille è innamorata. Ci sono i vicini di casa, le ragazza con cui Lucille si troverà a lavorare… Si tratta di una trama abbastanza semplice, che però si ramifica continuamente, aprendo e chiudendo vicende, forse troppo in fretta senza lasciare il respiro necessario per riflettere. Praticamente tutto si basa su vicende piccole e continue, un equilibrio precario che viene continuamente messo in discussione, risultando ad un certo punto alquanto soffocante.
La musica si porta via il peso della condizione umana, e allora tu non devi pensare a niente, devi ascoltare e basta. La musica ti dice tutto quello che c’è da sapere.
Lo stile, d’altro canto è leggero, delicato: segue la routine in modo interessante, si modella sui pensieri e sulle sensazioni di Lucille, con maestria tra aspetto psicologico e avvenimenti reali. Per me è stato facile immedesimarmi in quella ragazza, nel suo modo di pensare, di percepire le priorità e gli affetti, è stato bello e piacevole riuscirci, pensare un po’ al suo posto, calarmi nei suoi panni e trovarli perfetti.tumblr_inline_n62j5igQ8e1ribwb2
Ed è così che veniamo ai personaggi. Ed è così che mi trovo spiazzata, perché non ho le parole per spiegarvi cosa ho percepito. Da una parte, fatta eccezione per Lucille, ho trovato i personaggi un po’ stereotipati, inquadrati nel loro ruolo, che si muove lungo binari ben precisi, spingendo la trama nella stessa direzione. Wren è un corpo da bambina che ragiona da adulta, una presenza quasi inquietante e terribilmente triste, che si lascia andare poco, e quando lo fa conferma l’immagine generale. Eden è un angelo custode distratto. Ho odiato il suo comportamento, che non posso spoilerare ma che è stato anche fin troppo crudele, ma a prescindere da questo è stata fissa nel suo ruolo di amica/nemica come una madre poco credibile. E poi Digby, che sembrava essere una figurina di sfondo, un manichino vittima degli eventi.
Mi piace l’idea che le cose che ci diciamo qui siano al sicuro, che le parole ci escano di bocca ed entrino nel terreno, facendo crescere alberi che custodiscono segreti tra le foglie.
Ma c’è un’altra faccia della stessa medaglia: gli stessi personaggi, stereotipati da un lato, diventano presenze eteree se fissati per troppo tempo. Dopo poche pagine, avevo quest’impressione fortissima che stessi leggendo una ghost story, e che tutte queste figure fossero delle ombre attorno a Lucille. E devo dire, non è stato affatto spiacevole, piuttosto mi è sembrato di cogliere davvero quello che l’autrice voleva dire, mandando certi messaggi. Per esempio in Wren che ad un certo punto è truccata come un’adulta. Coincidenze?tumblr_lu9yqfAD4I1qk7jdvo1_500
Pe
rò qualcosa in questo gioco di percezioni, o nella trama, non ha funzionato. E io ho letto il libro come carino, piacevole, ma nulla di più. Non mi è entrato dentro, mi ha lasciato la bocca asciutta e gli occhi ancora puntati lontano in attesa. Probabile che i personaggi per me contino così tanto, che questo gioco alla fine li sminuiva troppo. Può darsi che effettivamente questo non è uno dei migliori del genere che io abbia letto, che si ferma troppo in superficie in alcune cose essenziali. Che rimane una storia carina ma si rende inevitabilmente leggera.
Intanto oltre tutta questa tecnica, restano dei bei gesti d’amore. Resta uno sprazzo di cielo in una stanza, perché l’amore può questo e altro.
“La maggior parte delle persona passa la vita a vacillare. Non si concedono mai di cadere, neanche di provarci. Vanno avanti a fare quello che pensano di dover fare. Non cercano mai di scoprire qual è la loro vera natura, perché significherebbe tirare fuori un coraggio che molti non hanno”
“Tu pensi di essere così?”

“Così come?”
“Codarda.”
“A volte sì, credo. Anche se cerco di non esserlo.”

 

Il mio voto:
cuoricino-piccolino (106x95)cuoricino-piccolino (106x95)cuoricino-piccolino (106x95)
L’autrice:
Estelle Laure: è laureata in discipline dello spettacolo e si è specializzata in scrittura creativa per bambini e ragazzi al Vermont College of Fine Arts. Grande appassionata di Kurt Vonnegut, crede nell’amore, nella magia e nella capacità di affrontare le verità scomode. Vive a Taos, nel New Mexico, con i suoi due figli. La notte che ho dipinto il cielo è il suo romanzo d’esordio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...