Recensione: La corona di mezzanotte di Sarah J. Maas

2d770-10173746_681146531955315_9209603319336296938_n

  • Titolo: La corona di mezzanotte (Crown of Midnight)

  • Autore: Sarah J. Maas

  • Casa Editrice: Mondadori
  • Data pubblicazione: Agosto 2013
  • Prima edizione italiana: 10 Giugno 2014
  • Pagine: 427
  • Genere: Fantasy
  • Trama: Celaena Sardothien, paladina del re, ha il compito di uccidere per conto del sovrano, ma la ragazza ha scelto di non portare a termine le missioni a lei affidate: a ognuna delle sue vittime ha dato la possibilità di fuggire e ne ha inscenato la morte. Ora però il suo inganno rischia di essere svelato, forse anche a causa degli antichissimi poteri magici di cui si serve il re, e che dovrebbero essere banditi da decenni. Contrastare questa oscura magia non è semplice, anche perché Celaena si ritrova contesa tra due amori, e non riesce a decidere a quale rinunciare.

Opinione personale:

Se avete già letto Il trono di ghiaccio e vi è piaciuto, La corona di mezzanotte è obbligatorio! Se non lo avete letto, leggetelo (qui la recensione)!
L’ho trovato totalmente all’altezza del precedente, stesso ritmo impossibile da abbandonare, stesso mix esplosivo tra romanticismo, avventura e magia. Si aprono portali su nuovi mondi, creature mostruose prendono vita, uomini ridotti a spettri e soprattutto la vera natura dei personaggi si rivela inaspettatamente. SarahI segreti del re di Adarlan sono protetti da codici da decifrare, quasi in una caccia al tesoro, e ogni tassello seminato tra una pagine all’altra si fa a ricomporre in un modo perfetto: ogni indizio lasciato anche nel libro precedente, ha un significato che si svela all’improvviso nella mente di un personaggio.
Celaena è sempre un’eroina anticonvenzionale che cerca di scoprire gli innumerevoli misteri che la circondano a corte. Ho trovato che in questo libro sia venuta fuori in tutte le sue sfaccettature: romantica, ottima amica da un lato, ma spietata assassina, feroce, quasi bestia letale dall’altro. Probabilmente questo ultimo aspetto era stato un pò trascurato in precedenza. Emergono spezzoni del suo passato, segreti, persone che chiariscono molte cose, fino ad arrivare al colpo di scena finale che mi ha fatto mangiare le mani per la voglia di continuare a leggere.
A proposito di persone dal passato ci sarà il personaggio di Archer, tra i protagonisti di questo capitolo della saga: l’autrice riesce a tratteggiare un carattere controverso che riserva tante sorprese. Fa parte delle persone che Celaena conosceva da prima de Il trono di ghiaccio; l’ordine del re di ucciderlo in quanto ribelle del regno, darà inizio alla storia. Nehemia, Chaol e Dorian accompagnano Celaena anche questa volta: se il triangolo amoroso (che non si può neanche definire così) non vi aveva convinti, potete stare tranquilli: uno dei due uomini si farà totalmente da parte, diventando però un ottimo amico per l’assassina. Ciò che mi è piaciuto di più e però che mentre ne Il trono di ghiaccio gli altri personaggi non avevano una storia propria di grande importanza, ma solo legata alla protagonista, ne La corona di mezzanotte passa in primo piano il passato di ognuno, i loro segreti e anche alcune avventure che si vanno poi ad intrecciare con la trama principale. Dorian, sempre altruista, forte e ambizioso, si troverà ad affrontare da solo un inspiegabile potere, mentre il leale (forse fin troppo) Chaol dovrà fronteggiare suo padre e la sua famiglia. Nehemia sarà quasi la guida di Celaena, una sorella maggiore che la spronerà e la spingerà verso il suo destino in ogni modo possibile. Insomma l’ho adorato: c’è tutto un mondo con i suoi continenti, la sua storia, le sue tradizioni, tratteggiato alla perfezione! Ogni personaggio sembra prendere vita, agire come se fosse reale. Lo stile della Maas è impeccabile e mi ha totalmente presa! Nonostante la narrazione si svolga in terza persona, cambiando il punto di vista, riesce a far emergere ogni emozione e sentimento e sinceramente a rifletterlo anche sul lettore, lasciando l’amaro in bocca quando un personaggio viene deluso o la comprensione quando fa una scelta difficile. In alcune scene ero lì che sorridevo da sola per l’intensità e la dolcezza, in altre dal ritmo più veloce quasi saltavo le parole per l’ansia.
Per quanto riguarda le copertine, preferisco la versione italiana a quella qui accanto, più semplice ma efficace. Ciò che voglio farvi notare è però la foto dell’autrice che inevitabilmente fa pensare a Celaena: ho sorriso nel guardare la foto, credo di immaginarla proprio così!
Ve lo consiglio assolutamente così come il primo libro! Una saga fantasy bellissima! Per quanto riguarda i racconti prequel, io li sto leggendo ora. Non sono indispensabili e si trovano solo in ebook. Raccontano episodi precedenti al primo libro a cui l’autrice fa vaghi ma ingegnosi riferimenti nella saga. Vi dico però che una volta finiti i due libri vi lancerete sui racconti per non uscire da quel mondo, almeno a me è successo così!

Serie “Throne of Glass”
0,1 –  L’Assassina e il Signore dei Pirati – The Assassin and the Pirat Lord  
0,2 –  L’Assassina e il Deserto  –  The Assassin and the Desert 
0,3 –  L’Assassina e il Male  –  The assassin and the Otherworld 
0,4 –  L’Assassina e l’Impero  –  The Assassin and the Empire
   1 –  Il trono di ghiaccio  –  The Throne of Glass
   2 –  La corona di mezzanotte –  Crown of Midnight
   3 –  Heir of fire (previsto in America per Settembre 2014)
 
“-E che cosa farai? –
Lei rispose con un’alzata di spalle e in quel momento si resero conto entrambi 
che gliele stava stringendo. Allentò la presa ma le dita volevano stringerla di nuovo, come per impedirle in qualche modo di andarsene.
– A vivere la mia vita, immagino. A viverla come voglio io per una volta.
A imparare ad essere una ragazza normale. 
– Quanto lontano? –
Gli occhi azzurri di lei s’illuminarono.
– Viaggerò fino a quando non troverò un posto in cui nessuno abbia mai sentito parlare di Adarlan. Ammesso che esista. – E non sarebbe mai più tornata indietro.
Ed essendo così giovane e brillante e divertente e meravigliosa, ovunque si fosse stabilita, avrebbe trovato un uomo che si sarebbe innamorato di lei e l’avrebbe presa in moglie e, fra tutte, quella era la peggiore verità. Era arrivato inaspettato quel dolore e quel terrore e quella rabbia, al pensiero di qualcun altro accanto a lei. Ogni suo sguardo… ogni sua parola… Non sapeva nemmeno dire quando fosse cominciata.
– Lo troveremo quel posto – disse piano
– Cosa? – domandò lei stupita?
– Io verrò con te -“

Il mio voto:

L’autrice:
Sarah J. Maas: E’ nata e cresciuta a New York, ma dopo essersi laureata nel 2008 si è trasferita nel sud della California. Ha avuto sempre una passione smodata per le storie di fate e il folclore, Il trono di ghiaccio è il suo primo romanzo, nato sul sito Fiction Press. La saga continua con La corona di mezzanotte (Agosto 2013) e Heir of Fire previsto per Settempre 2014

Annunci

3 pensieri su “Recensione: La corona di mezzanotte di Sarah J. Maas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...